Questo articolo è stato letto 55 volte

XXXVIII Assemblea annuale ANCI: le conclusioni del premier Draghi

“Voglio portare a voi sindaci il ringraziamento del Governo per il lavoro svolto nei mesi difficili della pandemia. Una manifestazione del successo a cui può portare una reciproca fiducia. I sindaci rappresentano l’Unità d’Italia. Grazie per la vostra passione disinteressata”. Questo l’esordio dell’intervento di chiusura della XXXVIII Assemblea annuale ANCI tenuto dal Presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi a Parma in cui ricorda che i Comuni e Città Metropolitane dovranno amministrare quasi 50 miliardi di euro come soggetti attuatori del Recovery Plan.

Una nuova fase per i Comuni

“Oggi si apre una nuova fase per l’Italia e per i suoi quasi 8mila Comuni. Un’occasione di sviluppo, progettazione, idee, che dobbiamo essere pronti a cogliere per i nostri cittadini e per le generazioni future – precisa il premier –, dalla transizione digitale a quella ecologica; dagli investimenti nella cultura all’edilizia pubblica; dagli asili nido al sostegno agli anziani più vulnerabili; Il futuro dell’Italia passa dai Comuni e voi oggi protagonisti. I Comuni sono i luoghi in cui i cittadini incontrano la politica e la pubblica amministrazione. Voi sindaci rappresentate l’unità dell’Italia”.
Il premier allinea le cifre sottolineando che “nel complesso, sono stati già ripartiti tra gli enti territoriali 21,6 miliardi per interventi infrastrutturali”. Lo sanno anche i sindaci, preoccupatissimi però – come ha sottolineato il presidente dell’ANCI, il sindaco di Bari Antonio Decaro – per la mole di lavoro sulle loro amministrazioni che devono fare i conti con la diminuzione del personale e la scarsità di figure competenti. Draghi ne è consapevole e lo dice esplicitamente: “Dovremo sicuramente tenere conto del suggerimento dato dal sindaco Decaro”. Allo stesso tempo però sottolinea le novità legislative già introdotte proprio per semplificare «le procedure di affidamento dei contratti pubblici» e per accorciare i tempi di realizzazione coniugando la fase progettuale con quella esecutiva. Inoltre, aggiunge, sono stati messi a disposizione delle amministrazioni vari strumenti: dall’assistenza tecnica sul territorio alla possibilità di reclutare personale.

Gli effetti del Recovery Plan

Almeno mille esperti aiuteranno gli Enti territoriali ad attuare il Piano. Verranno distribuiti nelle varie aree del Paese, per semplificare i processi e rafforzare la capacità progettuale delle Amministrazioni”. La prossima settimana partirà poi da Bari il tour per spiegare il Recovery nelle principali città italiane, che si concluderà a marzo a Trento. “Gli impegni sono chiari. Ora tocca a tutti noi, insieme, trasformare questi progetti in opportunità di crescita e sviluppo”.

> Leggi anche XXXVIII Assemblea annuale ANCI/2 – La sintesi dei lavori delle tre giornate.

******

CORSO ONLINE IN DIRETTA

PNRR – Gli Enti Locali nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza: ruolo, risorse, rendicontazione e controllo

Istruzioni operative
Corso on-line in diretta a cura di Sonia Caffù e Giorgio Centurelli
Martedì 30 novembre 2021, ore 9.00 – 12.00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *