Questo articolo è stato letto 0 volte

Best practice, consorzio comuni trentini e Anci Puglia condividono buone pratiche

Consorzio dei comuni trentini e Anci Puglia insieme per condividere best practice. In un momento ufficiale organizzato presso lo stand del consorzio dei comuni trentini, alla presenza dell’Amministrazione comunale di Brindisi, rappresentata dal Commissario prefettizio dott. Bruno Pezzuto sono state donate alla città di Brindisi tre buone pratiche ideate e gestite dal Consorzio.
L’Assemblea Nazionale dell’ANCI in corso a Brindisi è un importante momento di contatto ed aggiornamento per gli Amministratori dei Comuni d’Italia. Numerose sono le presentazioni, assemblee, incontri in cui vi è modo di raccogliere idee, analizzare soluzioni, confrontarsi su nuovi progetti. I Comuni trentini hanno presentato nel loro stand una sorta di manifesto dell’associazionismo ispirato ai valori della cooperazione, all’ideazione ed attivazione di soluzioni ICT di sistema (con evidenti vantaggi di scala) e in generale, all’ inclusione dei più deboli, che caratterizza l’approccio del Consorzio ai servizi erogati ai propri Soci.
In particolare tre sono i concreti risultati messi a disposizione dei Comuni italiani, a partire da quello di Brindisi che ha ospitato l’evento: la panchina in legno certificato PEFC che permette di accogliere chi si muove su carrozzine e rappresenta un concreto approccio al cosiddetto turismo sostenibile, il servizio Dimmi (che veicola informazioni 24×24 via SMS) e sensoRcivico, il nuovo sistema di People Centric Sensing per raccogliere le segnalazioni via web o mobile direttamente dai cittadini e monitorare in automatico numerose fonti (come quotidiani online, blogs, social network, ecc.) per monitorare costantemente cosa si dice del proprio Comune sul web.
Il presidente Marino Simoni, a nome delle municipalità trentine, ha consegnato alla comunità brindisina i suddetti “prodotti trentini” rafforzando l’immagine di un Trentino capace di integrare esigenze di sostenibilità ambientale, bisogni di welfare ad alta capacità di inclusione e sistemi ICT con tecnologia innovativa volti a stimolare e promuovere la condivisione di idee e la partecipazione.
Un segno tangibile della volontà di rilanciare – a Brindisi quale capitale momentanea delle municipalità nazionali – un messaggio di un Trentino che non si chiude all’interno dei confini autonomistici ma mette le proprie best practice a disposizione di tutte le municipalità italiane.
“La città di Brindisi sta realizzando un articolato piano di interventi nel settore del verde pubblico e abbiamo appena inaugurato il primo grande parco urbano dove siamo lieti di collocare il vostro dono che rappresenta un patrimonio per tutti i cittadini di Brindisi” dice il dott. Pezzuto.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>