Questo articolo è stato letto 10 volte

Territorio: il Pil della bicicletta vale tra i 4 e i 6 miliardi

Fonte: La Repubblica

“Il Pil comprende anche l’inquinamento dell’aria, la pubblicità per le sigarette e le ambulanze per sgomberare le nostre autostrade dalle carneficine del fine settimana…Non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago”. E’ il 18 marzo del 1968 e Bob Kennedy, nel pieno della campagna elettorale e pochi giorni prima dell’attentato di Los Angeles che gli spezzerà la vita, si lancia in un’appassionante intemerata contro il Prodotto interno lordo.
Un discorso visionario che decenni dopo ispirerà Barack Obama alla ricerca del “Pil della felicità”. E che, fatte le dovute proporzioni (ci perdonino cotanti precursori), sembra rivivere nel Pib, il “Prodotto interno bici”, ovvero il valore economico della bicicletta misurato per la prima volta in Italia anche con la “distinta” territoriale. Oltre 4 miliardi di euro complessivi all’anno (per l’esattezza 4,156 miliardi), stimati attraverso dieci parametri relativi alla mobilità urbana nelle varie regioni: il mercato bici, componentistica, accessori, riparazioni (1,161 miliardi); i benefici sanitari legati ad attività fisica e conseguente riduzione sedentarietà…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *