Questo articolo è stato letto 2.530 volte

TARI (tassa rifiuti): come fare il calcolo e chiedere il rimborso

TARI (tassa rifiuti): come fare il calcolo e chiedere il rimborso

Sulla discussa vicenda TARI interviene provvidenziale la circolare del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 1/DF del 20 novembre 2017 che fornisce chiarimenti sul calcolo della parte variabile della tassa sui rifiuti (TARI) relativa alle utenze domestiche. I chiarimenti riguardano anche le eventuali richieste di rimborso da parte dei contribuenti.

I chiarimenti del MEF sul calcolo della parte variabile della tassa sui rifiuti (TARI)

La circolare specifica che la quota fissa di ciascuna utenza domestica deve essere calcolata moltiplicando la superficie dell’alloggio sommata a quella delle relative pertinenze per la tariffa unitaria corrispondente al numero degli occupanti dell’utenza stessa, mentre la quota variabile è costituita da un valore assoluto, vale a dire da un importo rapportato al numero degli occupanti che non va moltiplicato per i metri quadrati dell’utenza e va sommato come tale alla parte fissa.

>> CONSULTA LA CIRCOLARE 20 NOVEMBRE 2017, n. 1/DF.

“Con riferimento alle pertinenze dell’abitazione, appare corretto computare la quota variabile una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica”. A precisarlo è proprio la circolare del MEF. “Un diverso modus operandi da parte dei comuni non troverebbe alcun supporto normativo, dal momento che condurrebbe a sommare tante volte la quota variabile quante sono le pertinenze, moltiplicando immotivatamente il numero degli occupanti dell’utenza domestica e facendo lievitare conseguentemente l’importo della TARI”.

Il Ministero dell’Economia dà il via alle procedure per chiedere i rimborsi

“Qualora il contribuente riscontri un errato computo della parte variabile della tassa sui rifiuti effettuato dal Comune o dal soggetto gestore del servizio può chiedere il rimborso del relativo importo in ordine alle annualità a partire dal 2014, anno in cui la TARI è entrata in vigore”. Il Ministero dell’Economia dà così il via alle procedure per chiedere i rimborsi.
Ciò chiarito, con riferimento alle pertinenze dell’abitazione appare corretto computare la quota variabile una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica.
Un diverso modus operandi da parte dei Comuni non troverebbe alcun supporto normativo, dal momento che condurrebbe a sommare tante volte la quota variabile quante sono le pertinenze, moltiplicando immotivatamente il numero degli occupanti dell’utenza domestica e facendo lievitare conseguentemente l’importo della TARI.

>> CONSULTA L’ESEMPIO PRATICO.

I tributi locali nel 2017

I tributi locali nel 2017

Cristina Carpenedo, 2017, Maggioli Editore
Nel 2017 la fiscalità vive un altro capitolo della riscossione pubblica, che abbandona il modello Equitalia per dare spazio alla nuova Agenzia delle Entrate - Riscossione. Il disegno del legislatore recupera la riscossione delle entrate comunali dopo un periodo di emarginazione che ha...

64,00 € 57,60 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *