Questo articolo è stato letto 3 volte

Ritardi nei pagamenti: con la crisi sono cresciuti solo in Italia

Con la crisi economica solo in Italia sono aumentati i tempi e i ritardi nei pagamenti. Non solo continuiamo ad essere la  maglia nera in Europa, ma la situazione è addirittura peggiorata solo per le nostre imprese.  L’analisi è stata condotta dalla CGIA di Mestre che ha messo a confronto i tempi di pagamento medi effettivi e i ritardi medi di pagamento avvenuti tra il 2009 e il 2011 nei principali Paesi Ue. La comparazione ha riguardato  tre tipologie di transazioni economiche:

  1. quella tra imprese e Pubblica Amministrazione;
  2. quella tra imprese e privati;
  3. quella tra imprese.

Drammatica la situazione per chi lavora  con la Pubblica amministrazione italiana: i pagamenti vengono onorati dopo 180 giorni (+52 giorni rispetto al 2009) con un ritardo medio, nei confronti dei termini contrattuali, di 90 giorni. Niente a che vedere con le situazioni che si verificano nei Paesi nostri concorrenti: in Francia le fatture vengono  “saldate” a 64 giorni (6 giorni in meno rispetto al 2009), nel Regno Unito a 47 giorni (-2) e in Germania a 35 giorni (-5 rispetto al 2009).
Nei rapporti commerciali tra imprese e privati, i tempi di pagamento medi effettivi registrati in Italia nel 2011 sono stati pari a 79 giorni. Nulla a che vedere con i 44 giorni fatti segnare nel Regno Unito, i 41 giorni censiti in Francia e i 24 giorni necessari per saldare una fattura in Germania. Se tra il 2009 e il 2011 nei 3 paesi nostri partner commerciali si è registrata una contrazione dei tempi e dei ritardi nei pagamenti, solo in Italia si è verificato un aumento: +9 giorni nel primo caso, +4 giorni nel secondo caso.
Sempre più difficile anche la situazione nelle transazioni commerciali tra imprese. Se  in Italia i tempi di pagamento hanno raggiunto i 103 giorni (+15  dal 2009), in Francia si attestano sui 59 giorni (-4 giorni), in Regno Unito sui 46 (-6 giorni ) e in Germania sui 37 (-12 giorni).
 “Vista la situazione presente in Italia – dichiara il segretario della CGIA di Mestre  Giuseppe Bortolussi – è necessario che il nuovo Governo recepisca quanto prima la direttiva europea che stabilisce i tempi massimi entro i quali devono essere fatti i pagamenti tra privati, e tra i privati e la Pubblica amministrazione. Nel primo caso le fatture dovranno essere pagate a 60 giorni, nel secondo caso a 30 giorni.   Solo nei confronti della sanità italiana – prosegue Giuseppe Bortolussi– le imprese vantano crediti per circa 33 miliardi di euro. Complessivamente, nei confronti della Pubblica Amministrazione, le aziende private devono ancora riscuotere una somma che si aggira tra i 60 e i 70 miliardi di euro. Una situazione, come dimostrano i dati,  che non ha eguali in Europa”.

Tempi e ritardi medi di pagamento: un confronto tra i principali Paesi europei
(valori medi espressi in giorni)
  Tra imprese e p.a. Differenza
  2009 2010 2011 2009-2011
ITALIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 128 186 180 +52
Ritardi medi di pagamento 52 86 90 +38
         
FRANCIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 70 65 64 -6
Ritardi medi di pagamento 22 21 20 -2
         
GERMANIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 40 36 35 -5
Ritardi medi di pagamento 15 11 10 -5
         
         
REGNO UNITO        
Tempi di pagamento medi effettivi 49 48 47 -2
Ritardi medi di pagamento 20 19 18 -2
         
Elaborazione Ufficio Studi CGIA Mestre su dati Intrum Justitia

 

  Tra imprese e privati Differenza
  2009 2010 2011 2009-2011
ITALIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 70 70 79 +9
Ritardi medi di pagamento 30 30 34 +4
         
FRANCIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 43 43 41 -2
Ritardi medi di pagamento 19 14 16 -3
         
GERMANIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 30 25 24 -6
Ritardi medi di pagamento 15 10 8 -7
         
         
REGNO UNITO        
Tempi di pagamento medi effettivi 48 44 44 -4
Ritardi medi di pagamento 20 16 19 -1
Elaborazione Ufficio Studi CGIA Mestre su dati Intrum Justitia

 

  Tra imprese Differenza
  2009 2010 2011 2009-2011
ITALIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 88 96 103 +15
Ritardi medi di pagamento 21 30 34 +13
         
FRANCIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 63 59 59 -4
Ritardi medi di pagamento 18 18 18 0
         
GERMANIA        
Tempi di pagamento medi effettivi 49 35 37 -12
Ritardi medi di pagamento 22 10 12 -10
         
         
REGNO UNITO        
Tempi di pagamento medi effettivi 52 50 46 -6
Ritardi medi di pagamento 20 18 16 -4
         
Elaborazione Ufficio Studi CGIA Mestre su dati Intrum Justitia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *