Questo articolo è stato letto 79 volte

Misure urgenti per imprese, scuola, settori strategici e giustizia

Misure urgenti per imprese, scuola, settori strategici e giustizia

Il Consiglio dei ministri (n. 39) si è riunito nella giornata di ieri a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del presidente Giuseppe Conte, approvando una serie di importanti provvedimenti volti a far fronte alle conseguenze economiche e gestionali dell’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Tre i punti di amplissimo rilievo che vanno sottolineati dal Cdm di ieri:
1. In primo luogo è stato approvato un decreto legge che introduce misure urgenti in materia di accesso al credito e rinvio di adempimenti per le imprese, nonché di poteri speciali nei settori di rilevanza strategica e di giustizia.
Il decreto interviene in sostegno alle imprese in difficoltà con misure specifiche su cinque principali ambiti:
– accesso al credito;
– misure per garantire la continuità delle aziende;
– rafforzamento dei poteri speciali nei settori di rilevanza strategica e degli obblighi di trasparenza in materia finanziaria;
– misure fiscali e contabili;
– spostamento, dal 15 aprile all’11 maggio, del termine concernente il rinvio d’ufficio delle udienze dei procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari;
– ampliamento, fino al termine dell’anno in corso, dell’operatività del Fondo di garanzia per l’impiantistica sportiva.

2. In seconda battuta è stato approvato un decreto legge che introduce misure urgenti sulla regolare conclusione e l’ordinato avvio dell’anno scolastico e sullo svolgimento degli esami di Stato.
Le norme disciplinano, con strumenti temporalmente efficaci, tutte le complesse operazioni relative alla chiusura dell’anno scolastico 2019/2020 e all’avvio dell’anno scolastico 2020/2021, tenendo conto della situazione determinatasi a seguito dell’emergenza sanitaria e dell’eventuale protrazione del periodo di sospensione dell’attività didattica svolta “in presenza” oltre il 18 maggio 2020.
Inoltre, in relazione alle criticità emerse nel proseguimento delle attività formative pratiche o di tirocinio in ambito universitario, si adottano misure eccezionali per lo svolgimento degli esami di Stato per l’esercizio delle professioni, per le quali l’attività di tirocinio in parola costituisce una condizione di ammissione. Inoltre per il personale della scuola sono state deliberate 4500 assunzioni a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili.

3. Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, a norma dell’articolo 122, comma 9, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, ha deliberato l’assegnazione di 450 milioni di euro al Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19, a valere sul Fondo per le emergenze nazionali.

>> IL COMUNICATO INTEGRALE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI n. 39.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *