Questo articolo è stato letto 4 volte

MCE, Modena esempio di Smart city, realizzato un sistema informativo computerizzato a disposizione del Comune e dei cittadini

Modena è un esempio di Smart city, di città intelligente. Una esperienza lunga e complessa iniziata nel 1979 e terminata con la realizzazione del GIS Geographic information System, un sistema informativo computerizzato che consente l’acquisizione e registrazione di informazioni derivanti da una serie di dati geografici. Il progetto è nato con l’obiettivo di integrare e ridurre a sistema rispetto al territorio le banche dati gestionali esistenti realizzando un insieme di dati di cui il comune ha la titolarità e la disponibilità.
Il progetto è stato presentato a Prato da Miriam Ruggero, consulente del progetto nel comune di Modena nel corso della Conferenza Mayor Cities of Europe.
“Il sistema informativo – ha detto – copre quasi tutte le aree trattate dal comune: anagrafe della popolazione, anagrafe degli esercizi commerciali e dei servizi pubblici, catasto delle strade, utenze di gas, acqua ed elettricità, verde pubblico e servizi scolastici”.
La consulente del comune ha quindi presentato le sei le tappe percorse dal suo comune per diventare città intelligente: favorire l’integrazione dei sistemi operativi e garantire l’implementazione dei dati per supportare l’attività amministrativa della città, favorire lo scambio di informazioni per l’utilizzo del territorio e promuovere il coinvolgimento in queste attività delle aziende pubbliche e degli attori privati operanti sul territorio.
Terminate le prime tre fasi il comune è quindi passato alla fase finale del progetto: “condividere le decisioni amministrative ai vari livelli e mettere a disposizione informazioni complete e modelli di simulazione per poter ipotizzare i possibili effetti conseguenti alle decisioni prese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *