Questo articolo è stato letto 93 volte

Manovrina 2017: amministratori eletti costretti a rinunciare all’incarico?

Diventerà impossibile per gli amministratori locali che siano anche liberi professionisti accettare l’incarico per il quale sono stati eletti? Ad evidenziare tale pericolo è Massimo Castelli, sindaco di Cerignale e delegato nazionale Piccoli Comuni per l’ANCI: nel testo della Manovrina 2017 in esame alla Camera, il decreto legge 50/2017 in fase di conversione, è contenuta infatti una disposizione che se non modificata comporterebbe di fatto l’impossibilità per gli amministratori locali che siano anche liberi professionisti di accettare l’incarico. “Una negazione implicita del diritto di elettorato passivo e dell’espressione della democrazia locale” conferma Castelli.

Sindaci nei Piccoli Comuni: le incompatibilità

“È evidente che per indennità di poche centinaia di euro fare il sindaco in un piccolo Comune è ormai puro volontariato e purtroppo è sempre più difficile reperire candidati alle elezioni in questi enti. Gli amministratori dei Comuni di minore dimensione demografica – prosegue il delegato ANCI – devono rispondere personalmente a responsabilità di ogni genere, anche se spesso non nelle loro competenze, e hanno sempre meno strumenti per potervi far fronte. Le incompatibilità per gli amministratori locali – prosegue – sono da tempo previste e regolamentate organicamente nel Testo unico degli enti locali. Il sovrapporsi di ulteriori normative sullo stesso tema sta provocando un crescente abbandono della possibilità concreta di dedicare il proprio impegno alla vita pubblica. Nel decreto legge 50/2017 la normativa in materia di incompatibilità e inconferibilità ha subìto alcuni miglioramenti – aggiunge Castelli – ma il permanere del vincolo dell’ambito provinciale o dell’area metropolitana di elezione comporterebbe l’impedimento allo svolgimento della libera professione se non al di fuori di questi ampi confini, creando situazioni paradossali e mettendo a rischio la tenuta stessa della democrazia locale. Si approvi l’emendamento ANCI che prevede tali condizioni di incompatibilità vincolate nell’ambito del territorio comunale in cui si è eletti ma non in enti diversi”, conclude Castelli.

>> CONSULTA LA TIMELINE DELLE NEWS SULLA MANOVRINA 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *