Questo articolo è stato letto 0 volte

Enti locali e riduzione CO2: ecco i casi eccellenti della Ue

Si tratta di una sorta di database disponibile al link http://www.lg-action.eu/index.php?id=8186 dal quale è possibile sca-ricare gratuitamente 30 casi eccellenti di enti locali dell’Unione europea impe-gnati nell’efficienza energe-tica e nella riduzione della produzione di C02. Le in-formazioni raccolte riguar-dano tanto i piccoli comuni quanto le grandi capitali proprio per poter andare in-contro alle esigenze di tutti gli amministratori. L’elenco comprende città danesi, te-desche, estoni, ungheresi, belghe. A rappresentare l’I-talia il Comune di Reggio Emilia con le ben note atti-vità “A scuola da soli in si-curezza” e “Raccogliamo miglia verdi”, entrambe in-dirizzate ai bambini e alle loro famiglie affinché di-ventino attori attivi nel-l’adozione di comportamen-ti quotidiani più sostenibili. A rappresentare il resto del-la UE ci sono cittadine co-me Valga in Estonia, dove si è arrivati ad un risparmio energetico del 60% negli asili nido grazie ad una ri-strutturazione delle strutture ad un impiego di tecnologie più avanzate, o la comunità di Lolland dove, oltre a co-prire il 70% del fabbisogno di energia per il riscalda-mento con le rinnovabili, è stata realizzata la prima centrale dimostrativa danese con tecnologia a idrogeno. Ma sono molti i casi curiosi. Come quello di Bruxelles dove è stato creato un si-stema di etichettatura per prodotti alimentari che ha avuto un notevole successo e il cui ciclo di vita è stato analizzato al fine di ottenere una riduzione di CO2 effet-tuando azioni mirate sul pa-ckaging, la conservazione, l’uso di pesticidi e il tra-sporto. “In una situazione di scarsa disponibilità di risor-se economiche come quella in cui ci troviamo – com-menta Emanuele Burgin, presidente del Coordina-mento Agende 21 Locali Italiane – offrire agli enti locali uno strumento gratui-to per informarsi e aggior-narsi, esaminando esperien-ze già testate da città simili alla propria per geografia o caratteristiche demografi-che, può rappresentare ve-ramente un utilissima op-portunità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *