Questo articolo è stato letto 2 volte

Bonifiche Sicilia, arrivano i fondi

Fonte: Italia Oggi

Chiuse le procedure di selezione per il cofinanziamento di progettazioni di interventi infrastrutturali irrigui nella regione siciliana, sulla base di quanto disposto dal decreto legge 171/2008. Su impulso del ministro dell’agricoltura, Saverio Romano, sono state concluse le procedure di selezione. La ex Agensud ha assegnato 1.879.897 euro ai consorzi di bonifica di Palermo, Agrigento, Enna, Gela, Caltagirone e Catania. Lo stanziamento si inserisce in un quadro di interventi per i consorzi di bonifica del Mezzogiorno d’Italia che, finora, ha visto l’assegnazione di 1.814.000 euro per otto progetti della Campania, 179 mila euro per tre progetti per il Molise e 364 mila euro per due progetti per l’Abruzzo. La norma, che nasce dall’esigenza di attenuare il consistente divario registrato nelle ultime assegnazione di risorse per infrastrutture irrigue tra Nord e Sud (70% alle regioni del Nord rispetto al 30% di quelle del Sud del Programma nazionale irriguo) per mancanza di idonei progetti cantierabili, consente il finanziamento all’80% (il restante 20% resta a carico degli enti) di nove progettazioni definitive o esecutive per un valore di 1.879.897 euro ai Consorzi di Bonifica di Palermo, Agrigento, Enna, Gela, Caltagirone e Catania. Le progettazioni si riferiscono ad importanti schemi idrici siciliani per un valore complessivo di oltre 130 mln di euro. Le progettazioni saranno affidate con criteri di evidenza pubblica, come stabilito dal codice dei contratti. Le somme complessivamente disponibili, provenienti da economie di spesa realizzate sugli interventi di competenza del commissario ad acta ex Agensud Roberto Iodice, ammontano a otto mln di euro per le otto regioni meridionali. Oltre alla regione Siciliana, sono stati finora assegnati 1.814.000 euro per otto progetti della Campania, 179 mila euro per tre progetti per il Molise e 364 mila euro per due progetti per l’Abruzzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *