Questo articolo è stato letto 22 volte

Autonomia aggiuntiva: inaugurata la trattativa con il Governo

Autonomia aggiuntiva

La trattativa con il Governo per la maggiore autonomia delle Regioni è ufficialmente partita: da oggi infatti il percorso “federalista” vedrà schierate insieme Lombardia ed Emilia Romagna, Regioni che erano partite con due strumenti diversi: la prima passando per la via del referendum consultivo del 22 ottobre scorso, finito con il 38% circa di voti favorevoli; la seconda attraverso un protocollo di intesa con il premier Paolo Gentiloni a seguito di una risoluzione consiliare.

Le procedure per l’autonomia al via

Proprio  questa settimana il consiglio regionale lombardo ha votato a maggioranza il documento per l’autonomia redatto dopo il referendum, con 67 voti favorevoli (su 80 membri totali, di cui 72 presenti in aula).
Nella giornata di oggi i rappresentanti delle due Regioni si recheranno prima in Commissione parlamentare sul federalismo, poi nel pomeriggio parteciperanno alla Conferenza Stato-Regione. La Lombardia chiede dal canto suo l’autonomia su 20 materie, che sostanzialmente riepilogano le 23 competenze previste dalla Costituzione (20 sono quelle concorrenti e 3 quelle che già gestiscono le Regioni con statuto speciale). L’Emilia Romagna rivendica invece l’autonomia per 13 materie. Insieme daranno vita a sei tavoli tematici, per i settori comuni, di cui i principali sono l’ambiente, le attività produttive, il lavoro, l’istruzione.
VA sottolineato invece come sia differente il percorso intrapreso dalla Regione Veneto, dove il referendum è stato votato quasi dal 60% dei cittadini. Il governatore Zaia ha scelto di far approvare una legge regionale, che poi dovrà essere sottoposta al voto parlamentare. Ma in questo caso è richiesta la maggioranza qualificata dei due terzi.

Il documento congiunto ANCI Lombardia – UPL

ANCI Lombardia ha nel frattempo prodotto il documento congiunto ANCI-UPL in merito al processo per il riconoscimento di maggiore autonomia alla Regione Lombardia, come previsto dall’art. 116 della Costituzione. Il testo, illustrato durante l’audizione presso la II Commissione regionale, è stato inviato al Consiglio regionale, che ha votato questa settimana la risoluzione come base per l’apertura del confronto col Governo.
Il contributo di ANCI Lombardia e UPL presenta delle note come primo contributo al confronto per l’individuazione delle materie su cui chiedere maggiore autonomia regionale.
ANCI Lombardia auspica che il confronto su tema coinvolga Comuni, Città Metropolitana e Province lombarde in modo costante, coerente e costruttivo, non solo in questa fase ma durante tutto il percorso, per poter dare continuità e sostanza al confronto istituzionale.

>> CONSULTA IL DOCUMENTO CONGIUNTO ANCI LOMBARDIA – UPL SUL PROCESSO PER IL RICONOSCIMENTO DI MAGGIORE AUTONOMIA ALLA REGIONE LOMBARDIA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *