Questo articolo è stato letto 5 volte

Acque reflue, Italia nel mirino Ue, 143 città con deficit depurazione

“Un italiano su tre è senza depurazione e gli altri due hanno un trattamento non sufficiente alle necessità.
Sulle acque reflue siamo fuorilegge da 13 anni ed è indegno che il settimo Paese più industrializzato al mondo debba aspettare l’ultimatum dell’Europa per adeguarsi alla normativa”.
Così Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente commenta l’ultimatum dato dalla Commissione europea all’Italia per la violazione della normativa Ue sul trattamento delle acque reflue.
“E non parliamo solo di burocrazia – aggiunge Ciafani – perché, come ha giustamente sottolineato la Commissione, la mancanza di idonei sistemi di raccolta e trattamento delle acque reflue, comporta rischi per la salute umana, le acque interne e l’ambiente marino.
È in gioco, insomma, la qualità della vita degli italiani e dell’ambiente e per questo va attivata una task force tra governo, enti locali e i gestori del servizio idrico per realizzare subito gli interventi più urgenti.
In caso contrario l’Italia spenderà inutilmente in multe il denaro che potrebbe utilizzare per realizzare gli impianti di trattamento. La stagione balneare è alle porte e come dimostra da 25 anni l’esperienza di Goletta Verde la mancata depurazione è la principale responsabile dell’inquinamento lungo la costa”.

IL DEFICIT DI DEPURAZIONE IN ITALIA

 

Abitanti Copertura del servizio di fognatura (%) Copertura effettiva del servizio di depurazione (%) Abitanti non serviti da depurazione
Italia 60.340.328 84,7 70,4 17.860.737

 

Fonte: Elaborazione Legambiente su dati Rapporto Blue Book 2009 di Anea e Utilitatis

IL DEFICIT DI DEPURAZIONE A LIVELLO REGIONALE

Regione Abitanti Copertura del servizio di fognatura (%) Copertura del servizio di depurazione (%) Abitanti non serviti da depurazione
Sicilia 5.037.799 78,8 53,9 2.322.425
Lombardia 9.742.676 93,9 77,8 2.162.874
Campania 5.812.962 83,5 67 1.918.277
Lazio 5.626.710 85,3 74,1 1.457.318
Toscana 3.707.818 81,8 62,7 1.383.016
Veneto 4.885.548 78,1 78,7 1.040.622
Emilia Romagna 4.337.979 84,8 78,7 923.990
Piemonte 4.432.571 89,9 82,5 775.700
Sardegna 1.671.001 75 68 534.720
Calabria 2.008.709 88,3 74,5 512.221
Marche 1.569.578 84 69,9 472.443
Liguria 1.615.064 75 74 419.917
Abruzzo 1.334.675 89,1 72,6 365.701
Umbria 894.222 77,1 78,2 194.940
Basilicata 590.601 88,8 74,7 149.422
Molise 320.795 86,4 84,5 49.723
Friuli Venezia Giulia 1.230.936 nd nd nd
Puglia 4.079.702 82,6 nd nd
Trentino Alto Adige 1.018.657 nd nd nd
Valle d’Aosta 127.065 nd nd nd

 

Fonte: Elaborazione Legambiente su dati Rapporto Blue Book 2009 di Anea e Utilitati

nd: dato non disponibile

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *