Accesso dei consiglieri comunali ai sistemi informatici dell’Ente locale: l’evoluzione della giurisprudenza

Il nostro esperto risponde alle domande degli abbonati (FAQ): l’ampiezza del diritto all’informazione del consigliere comunale

22 Novembre 2022
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
Pubblichiamo di seguito due FAQ elaborate dal nostro esperto Amedeo Scarsella in relazione al tema dell’accesso dei consiglieri comunali ai sistemi informatici dell’Ente locale, con specifico riferimento all’ampiezza del diritto all’informazione in capo al consigliere comunale e ai limiti particolari che questo incontra sia secondo la giurisprudenza tradizionale sia secondo gli orientamenti più recenti dei giudici.

Il nostro esperto risponde alla seguente domanda: il diritto all’informazione del consigliere comunale, nella sua ampiezza, secondo la giurisprudenza tradizionale incontra comunque limiti particolari?
SÌ. Il consigliere non può abusare del diritto all’informazione per scopi emulativi o aggravando eccessivamente, con richieste non contenute entro limiti di proporzionalità e di ragionevolezza, la corretta funzionalità dell’ente; il limite del diritto di accesso del consigliere è stato individuato “proprio nell’ipotesi in cui lo stesso si traduca in strategie ostruzionistiche o di paralisi dell’attività amministrativa con istanze che, a causa della loro continuità e numerosità, determinino un aggravio notevole del lavoro degli uffici ai quali sono rivolte e determinino un sindacato generale sull’attività dell’amministrazione. L’accesso, in altri termini, deve avvenire in modo da comportare il minore aggravio possibile per gli uffici comunali, e non deve sostanziarsi in richieste assolutamente generiche o meramente emulative.

E poi risponde al seguente quesito integrativo: esistono altri limiti che la giurisprudenza più recente ha individuato nel diritto di accesso del consigliere comunale?
SÌ. Di recente la giurisprudenza il diritto di accesso del consigliere comunale non costituisce un diritto “tiranno” nei confronti delle altre situazioni giuridiche costituzionalmente riconosciute e protette, che costituiscono, nel loro insieme, espressione della dignità della persona. Il diritto di accesso del consigliere comunale non ha un’illimitata espansione ma di fronte ad altri diritti della persona è necessario effettuare “un ragionevole bilanciamento” di tutti i diritti coinvolti. Alla regola del ragionevole bilanciamento propria dei rapporti tra diritti fondamentali di pari rango non si sottrae l’accesso del consigliere comunale (Consiglio di Stato, Sez. V, sentenza n. 2089/2021).

>> VUOI CONSULTARE LE FAQ AGGIORNATE TUTTI I MESI? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER D’AUTORE FIRMATA DAL NOSTRO ESPERTO AMEDEO SCARSELLA.

>> PER APPROFONDIRE: L’accesso dei consiglieri comunali ai sistemi informatici dell’Ente.

>> IL VOLUME DI MAGGIOLI EDITORE: Testo Unico degli Enti locali commentato (annotato con giurisprudenza, prassi e casi pratici, coordinato con le leggi collegate) di Riccardo Carpino.

Redazione