Questo articolo è stato letto 84 volte

Salvaguardia immagine esterna dell’Amministrazione: legittima la revoca del Presidente del Consiglio comunale

Revoca del Presidente del Consiglio comunale

di AMEDEO SCARSELLA

L’art. 39 TUEL attribuisce al Presidente del Consiglio comunale poteri direttivi, di iniziativa ed impulso necessari al funzionamento degli organi collegiali: il comma 1 prevede che al titolare di detto ufficio spetta la convocazione e direzione dei lavori e delle attività del consiglio; il successivo comma 4 gli demanda l’obbligo di assicurare che, sulle questioni sottoposte al consiglio, siano preventivamente ed adeguatamente informati i componenti dell’organo.

La revoca non può essere basata su valutazioni di natura strettamente politiche

Le citate disposizioni attribuiscono al Presidente del Consiglio una funzione istituzionale di garanzia a tutela del corretto funzionamento di detto organo e della corretta dialettica tra maggioranza e minoranza. Proprio in virtù di tale funzione, al fine di non compromettere la neutralità di tale figura, la revoca del Presidente del consiglio non può che essere giustificata dal cattivo esercizio di tale funzione, non potendo essere motivata sulla base di una valutazione fiduciaria di tipo strettamente politico.

>> CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO QUI

Testo Unico degli Enti locali commentato

Testo Unico degli Enti locali commentato

Riccardo Carpino, 2018, Maggioli Editore
Il volume, aggiornato alla L. 205/2017 (Legge di bilancio 2018), offre una lettura coordinata del Testo Unico degli Enti locali e costituisce una guida aggiornata alla sua interpretazione ed applicazione. Tutti gli articoli del TUEL sono annotati con la giurisprudenza (amministrativa, civile,...

98,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *