Questo articolo è stato letto 764 volte

Le principali innovazioni contenute nel correttivo al codice appalti

Correttivo codice appalti

Alla luce della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo 56/2017 (“Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”, c.d. correttivo codice appalti) pubblichiamo di seguito le principali innovazioni apportate dal correttivo al codice degli appalti attraverso uno schema analitico elaborato dall’Avv. Alessandro Massari, direttore di Appalti & Contratti.

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI APPORTATE DAL CORRETTIVO AL  CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (DLgs. 19 aprile 2017 n. 56)a cura di Alessandro Massari

 

Articolo del CodiceModificato CONTENUTO DELLA MODIFICA INTRODOTTA DAL CORRETTIVO 
Art. 3 Nuove norme definitorie e precisazioni di quelle già vigenti.• Inserimento delle definizioni di lavori di categoria prevalente e scorporabile, manutenzione ordinaria e straordinaria, documento di fattibilità delle alternative progettuali, quadro esigenziale, programmi per lavori, servizi e forniture.
Art. 5 In house providing.• Precisazione che la presenza di capitali privati nella società che possono ricevere appalti in house non deve comportare “controllo o potere di veto”
Art. 21 Programmazione.• Ai fini dell’inserimento di un’opera nella programmazione triennale le stazioni appaltanti redigono il documento di fattibilità delle alternative progettuali. Le norme sulla programmazione non si applicano a pianificazione di soggetti aggregatori e centrali di committenza

CONSULTA LA TABELLA INTEGRALE QUI

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>