Questo articolo è stato letto 353 volte

Fondi progettazione Enti locali, ANCI: “Finalmente ai sindaci risorse per pianificare”

Fondi progettazione Enti locali

“Puntare sulla progettazione per programmare le opere è un cardine delle richieste dei sindaci. I due decreti per i progetti di fattibilità, i piani urbani della mobilità sostenibile e le opere prioritarie, 200 milioni per gli Enti locali, vanno in questa direzione. Ci danno la responsabilità che chiediamo. Aggiungerei finalmente. Finalmente perché queste risorse indicano una via d’uscita per i sindaci: da un lato impossibilitati a dare incarichi di progettazione perché, senza avere certezza dei finanziamenti, rischierebbero di incorrere nella censura della Corte dei conti; dall’altro costretti a rincorrere quando i finanziamenti per realizzare arrivano ma non hanno un progetto pronto”. In questo modo Antonio Decaro, presidente dell’ANCI, ha commentato l’emanazione dei due provvedimenti da parte del ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Graziano Delrio.

I fondi di progettazione

Il fondo progettazione Enti locali assegna 5 milioni alle Città metropolitane, 12,5 milioni alle Province e 12,5 milioni ai Comuni, all’anno per i prossimo tre anni (2018, 2019, 2020). La finalità è la messa in sicurezza degli edifici e delle strutture pubbliche di proprietà dell’ente, dando priorità agli edifici scolastici. Il cofinanziamento statale può raggiungere quota 80%. Nei criteri di assegnazione, sarà data priorità ai progetti di adeguamento alla normativa antisismica delle scuole.
Il fondo di progettazione per gli insediamenti prioritari è rivolto a Autorità portuali (30 milioni nei 3 anni), Città metropolitane (25 milioni), Comuni capoluogo di Città metropolitane (30 milioni), 36 Comuni capoluogo di Regione (che non siano Città metropolitana) o di Provincia autonoma o con popolazione superiore ai 100mila abitanti (25 milioni). Città metropolitane e Comuni dovranno prioritariamente impiegare le risorse per la predisposizione del Piano strategico e del piano mobilità sostenibile. E, nel caso  abbiano già varato questi strumenti di programmazione, per progettare le opere in essi previste.

Il punto di vista del’ANCI

“Da tempo – ha proseguito Decaro – sosteniamo che non solo la qualità della vita dei cittadini, per esempio, in tema di mobilità, la battaglia allo smog, ma la stessa competitività delle aree metropolitane passa attraverso reti di trasporto pubblico più veloci, più efficienti, più ramificate. Maggiore competitività delle città, attraverso strumenti che scommettono sulle loro capacità di programmare e pianificare, si traduce in maggiore competitività di tutto il Paese, visto che proprio nelle Città metropolitane e nei capoluoghi vive la maggior parte dei cittadini e si produce la stragrande maggioranza del Pil”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *