Questo articolo è stato letto 647 volte

Direttiva lavoro agile nella PA: i punti principali

Direttiva lavoro agile nella PA

Il ministro per la Pubblica Amministrazione Marianna Madia, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi con la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, ha illustrato i principali punti della importante nuova direttiva in materia di lavoro agile (smart working).

Lavoro agile nella PA

Un provvedimento che intende perseguire l’obiettivo di limitare la “cultura della procedura”, a vantaggio di quella fondata sul risultato e sull’obiettivo. “Non contano solo le ore lavorate ma obiettivo e risultato” ha spiegato la Madia presentando quello che considera un “tassello importante della riforma della PA.
Madia ha riferito che vi sono a disposizione 5,5 milioni di risorse europee: “Oggi (15 giugno, ndr) – ha aggiunto – scadono le manifestazioni di interesse per le amministrazioni che vogliano partecipare al bando”.
Madia ha spiegato che almeno il 10% dei dipendenti pubblici che richiederanno di avere forme di lavoro agile potranno accedervi, senza che questo pregiudichi la loro carriera professionale. In tutte le amministrazioni sarà quindi data la facoltà ai lavoratori di chiedere forme di lavoro flessibile e l’amministrazione deciderà in quali settori è più funzionale e più utile al servizio.

Leggi anche Ok definitivo alla direttiva sul lavoro agile nella Pubblica Amministrazione.

Gli obiettivi della direttiva in materia di “smart working”

“L’obiettivo – ha sottolineato la titolare del dicastero della Pubblica Amministrazione – è che la qualità dei servizi non diminuisca”. “Io credo – ha aggiunto – che tutto ciò porterà a dei risparmi”. Il lavoro agile rappresenta “un’importante politica di conciliazione – ha precisato Madia – ma è riduttivo considerarlo solo misura di conciliazione, è molto di più: è una modalità di cambiamento del lavoro potente che mette al centro la tecnologia, capace di sfruttare le potenzialità del nostro tempo. La direttiva – ha insistito Madia – ha quindi “il sigillo” delle riforme della PA, basate tutte sull’innovazione.
Il ministro ha precisato che ci si è mossi esaminando gli accordi stipulati tra sindacati e grandi aziende come Enel, Fs, Barilla per poi emanare delle norme apposite per la PA, lavorando con diverse amministrazioni centrali e locali (tra queste in particolare il comune di Bergamo), portando avanti un “lavoro importante e condiviso”. La direttiva prevede che sia misurata la sperimentazione in base all’efficacia e all’efficienza, alla qualità dei servizi resi alla cittadinanza. “Recepiremo le osservazioni che verranno dai cittadini – ha concluso Madia – Deve partire un grande sforzo collettivo: solo così si cambiano i comportamenti delle persone”.
Sulla direttiva la Conferenza delle Regioni si era espressa positivamente il 25 maggio, consegnando al Governo (in sede di Conferenza Unificata) un documento con alcune raccomandazioni.

FORMAZIONE
La disciplina del pubblico impiego dopo i Decreti attuativi Madia
Bologna, 5 luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *