Questo articolo è stato letto 23 volte

Visite fiscali, nella bozza di riforma reperibilità solo di 4 ore

Fonte: Sole24Ore

La reperibilità a casa nei giorni di malattia dovrebbe essere di «almeno sette ore per tutti – ha affermato ieri il presidente dell’Inps, Tito Boeri, a margine di un convegno che si è svolto alla Camera –, non ha senso che ci siano differenze tra pubblico e privato».

Attualmente i dipendenti del settore pubblico devono essere raggiungibili per le visite di controllo dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Invece per i dipendenti del comparto privato è sufficiente essere reperibili dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.

Di «armonizzazione» delle regole sulla reperibilità fra settore pubblico e privato si parla anche nelle bozze del nuovo Testo unico del pubblico impiego, cioè del decreto attuativo della riforma Madia che dovrebbe arrivare la prossima settimana al confronto finale con i sindacati prima del via libera preliminare in consiglio dei ministri.

Le bozze, però, sembrano andare nel senso contrario a quello indicato ieri dal presidente dell’Inps, anche per una ragione di strumenti legislativi: le bozze prevedono infatti un decreto del ministro della Funzione pubblica per stabilire le nuove fasce di reperibilità «armonizzate» per i dipendenti pubblici, in un percorso che sembra indicare la riduzione a quattro delle sette ore attualmente previste per chi lavora nello Stato o negli enti territoriali…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *