Una pagella della Gdf per gli appalti

Arrivano gli indici di rischiosità degli appalti della Guardia di finanza

Italia Oggi
22 Febbraio 2017
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
Arrivano gli indici di rischiosità degli appalti della Guardia di finanza. Dal 1° marzo al 10 settembre, in via sperimentale, in quattro regioni (Calabria, Puglia, Sicilia, Campania) parte l’applicativo Mo.Co.P. (monitoraggio contratti pubblici) messo a punto dalle Fiamme gialle per sorvegliare i contratti pubblici. La banca dati è il frutto del progetto di collaborazione con l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) scritto nelle linee guida operative del Corpo guidato da Giorgio Toschi.
Il sistema, si legge nella circolare del Terzo reparto, guidato da Stefano Screpanti, datata 20 febbraio 2017, che ItaliaOggi è in grado di anticipare, sarà utilizzato in un primo periodo in fase sperimentale nelle quattro regioni di cui detto in precedenza. In buona sostanza si tratta di una piattaforma informatica con l’obiettivo di concentrare e rendere consultabili gli appalti aggiudicati dalle diverse stazioni appaltanti pubbliche e in questo modo sviluppare le analisi di rischio e di contesto.

Redazione

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento