Questo articolo è stato letto 1 volte

Trasmissioni rendiconti, c’è tempo fino al 9/9

Fonte: Italia Oggi

Scatta da oggi e sino al prossimo 9 settembre, l’obbligo per le province ed i comuni, di trasmettere alla Corte dei conti, in modalità telematica, il rendiconto dell’esercizio finanziario 2010. Per le comunità montane, l’obbligo scatterà, invece, dal 1° settembre al 7 ottobre 2011. È quanto si rileva dalla lettura della deliberazione n.1 pubblicata il 31 maggio 2011, con cui la sezione autonomie della Corte dei conti richiede agli enti locali e territoriali, l’invio telematico del rendiconto 2010, in ossequio alle disposizioni previste dall’articolo 227 del Tuel. La deliberazione prevede che la trasmissione telematica del rendiconto 2010 deve essere effettuata mediante modelli in formato Xml, reperibili sui sito internet istituzionale della Corte dei conti, nel periodo dal 1° giugno al 9/9/2011. Solo per gli enti della Valle d’Aosta, la cui regione ha utilizzato modelli contabili autonomi (ovvero diversi da quelli approvati con dpr n.194/1996), la trasmissione dei rendiconti avverrà con modalità che la Corte renderà note successivamente. Adempimenti di province e comuni. Le amministrazioni provinciali ed i comuni, devono inviare alla sezione delle autonomie, mediante trasmissione telematica in formato elettronico Xml (le cui indicazioni operative sono reperibili nel sito web www.corteconti.it), il rendiconto dell’esercizio 2010, composto dal conto del bilancio, dal conto del patrimonio e dal conto economico, il prospetto di conciliazione e gli altri prospetti riepilogativi nonché i quadri previsti dal dpr 194/96. Invio che dovrà essere effettuato a partire dall’1.6.2011 e sino al 9.9.2011. La deliberazione precisa che, sempre entro i termini sopra indicati, le amministrazioni i cui rendiconti chiudono in disavanzo di amministrazione devono, inoltre, trasmettere, in forma cartacea, alla citata sezione delle autonomie (via Antonio Baiamonti n. 25, 00195 Roma) ulteriori documenti. In particolare, si dovrà inviare la deliberazione consiliare di approvazione del rendiconto 2010, la relazione dell’organo di revisione economico- finanziaria di cui all’art. 239, co. 1, lettera d) del Tuel, l’elenco dei residui attivi e passivi distinti per titoli e per esercizi di provenienza. Adempimenti delle comunità montane. Diversi, invece i termini di scadenza per l’invio da parte delle comunità montane. Per questi enti, infatti, l’obbligo di trasmissione telematica del rendiconto 2010, composto dal conto del bilancio, dal conto del patrimonio e dal conto economico, dal prospetto di conciliazione e gli altri prospetti riepilogativi nonché i quadri previsti dal dpr n.194/1996, scatterà dal 1° settembre al 7 ottobre 2011. Enti che non hanno approvato il rendiconto 2010. Tutti gli enti sin qui menzionati, qualora non abbiano approvato il rendiconto 2010 (che, lo si ricorda, ai sensi dell’articolo 267 Tuel avrebbe dovuto essere approvato entro il 30.4.2011), devono trasmettere alla sezione delle autonomie della Corte, per via telematica, entro il 30 settembre 2011, uno dei seguenti documenti contabili «secondo le disponibilità al momento della trasmissione». In particolare, si richiede lo schema del rendiconto presentato al consiglio dalla giunta della provincia, del comune o della comunità montana o lo schema di rendiconto predisposto dagli uffici per l’esame della giunta. La delibera in esame, precisa che, anche dopo che il termine del 30 settembre 2011, sia decorso, «rimane in ogni caso adempimento non eludibile la trasmissione per via telematica del rendiconto 2010, da effettuare entro cinque giorni dalla deliberazione consiliare di approvazione del predetto conto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *