Questo articolo è stato letto 2 volte

Tasi: giungla sconti, slalom tra le delibere comunali

Formule matematiche a Ferrara, 11 diverse misure di detrazione a Modena, 9 ad Asti, 24 a Bologna.
Sconti per aree a più alto rischio incidente, confinanti con altri Comuni o prossime alle discariche. Variabilità assoluta sui figli a carico. Le migliaia di delibere Tasi arrivate dagli oltre 8.000 Comuni italiani sono un vero rompicapo, a volte anche piuttosto “pittoresco”, per i contribuenti italiani. Che si tratti di proprietari o inquilini, pagare la nuova tassa sulla casa è una corsa ad ostacoli tra delibere, regolamenti e circolari esplicative, rese necessarie dalla complessità delle decisioni delle amministrazioni.
I casi, rilevati da Confedilizia in un dossier dedicato ad “un mondo tutto da scoprire”, sono tanti e non privi di bizzarrie. Ad Asti, il Comune ha optato per nove tipi di detrazione diversi, arrivando fino alla più bassa – riservata agli immobili con rendita catastale tra i 650 e i 700 euro – di appena 5 euro. Il Comune di Parma ha pensato invece di disporre una detrazione maggiorata per le abitazioni principali con riferimento alla capacità contributiva della famiglia definita attraverso l’applicazione dell’Isee e declinata in 24 fattispecie diverse, derivanti sia della rendita catastale che dall’Isee. Una giungla in cui un errore è piuttosto facile che ci scappi. Praticamente ovunque le detrazioni per i figli riguardano i ragazzi sotto i 26 anni, ma a Reggio Emilia bisogna stare attenti. La città fa infatti eccezione e considera quelli fino a 25 anni. Il Comune di Alessandria riduce l’aliquota per due sobborghi: quello di Spinetta Marengo, perché interessata “a rischio incidente rilevante”, e quello di Castelceriolo, dove si trova la discarica del consorzio alessandrino. C’è poi il caso limite di Lignano Sabbiadoro, indicativo della disinformazione e delle difficoltà dei cittadini: nonostante il Comune abbia deliberato l’azzeramento della Tasi, all’amministrazione, a detta dello stesso sindaco, sono arrivate decine e decine di versamenti.

(Fonte: Ansa)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *