T.U. Pubblico Impiego: il Governo pronto a dimezzare la riforma

Le ultime indiscrezioni su un probabile stop al progetto di riordino della materia (previsto per febbraio)

11 Gennaio 2017
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
È stata anticipata questa mattina dal quotidiano Il Messaggero l’indiscrezione secondo cui il Governo Gentiloni si starebbe preparando a dire addio alla maxi riforma del Pubblico Impiego. “Palazzo Chigi e il ministero della Funzione pubblica – si legge sul quotidiano romano – avrebbero deciso di rinunciare al Testo Unico sul lavoro statale al quale da mesi stavano lavorando i tecnici di Palazzo Vidoni. Un provvedimento che, nelle intenzioni , avrebbe dovuto riscrivere e sistemare tutte le regole che reggono il pubblico impiego , dalle assunzioni ai licenziamenti, dalla mobilità agli scatti di anzianità”.

La decisione si configurerebbe come una presa d’atto che la fase politica è cambiata, con la spinta propulsiva alle riforme data dal governo Renzi evidentemente difficile da mantenere con l’esecutivo di transizione guidato da Paolo Gentiloni. “L’intenzione, a questo punto, – si legge su Il Messaggero – sarebbe quella di emanare entro febbraio un decreto legislativo che attui i soli punti contenuti all’interno dell’accordo siglato con i sindacati il 30 novembre dello scorso anno per il rinnovo del contratto”.

Consulta la Pagina Speciale dedicata alla Riforma Madia.

Redazione

Scrivi un commento

Accedi per poter inserire un commento