Questo articolo è stato letto 366 volte

Split payment e fatturazione elettronica, una guida per l’economo del comune

La legge di stabilità 2015 ha introdotto un’importante novità per i fornitori di beni e servizi nei confronti della PA, quello che è ormai noto con il nome di split payment. Si tratta di un meccanismo per cui è il Comune stesso a pagare l’IVA addebitata loro dai fornitori direttamente all’Erario.

Se poi alla novità dello split payment aggiungiamo l’obbligo della fatturazione elettronica per cui le PA a partire dal 31 marzo 2015 non potranno più accettare le fatture cartacee, l’economo del Comune quest’anno si troverà a fronteggiare diversi problemi applicativi.

A questi e altri dubbi risponde il volume, in uscita proprio in questi giorni, curato da Salvio Biancardisulle “Le funzioni economali negli enti locali”, una guida completa e molto pratica anche per il lettore meno esperto della materia.

Da un lato, infatti, vengono illustrati i compiti, le responsabilità e gli adempimenti più importanti che attengono alle funzioni di economato, e dall’altro viene esaminata la disciplina relativa alle procedure di approvvigionamento di beni e servizi.

Per facilitare e snellire la lettura, i vari istituti giuridici sono direttamente collegati a schemi-tipo ai quali viene fatto rinvio nel corso della trattazione.

Il volume inoltre comprende anche un cd-rom con tutta la modulistica per la gestione del Servizio economato e per la gestione del Servizio provveditorato.

 

LE FUNZIONI ECONOMALI
NEGLI ENTI LOCALI

Guida operativa alla gestione
del Servizio economato-provveditorato

• Spese con fondo economale
• Split payment e Reverse Charge

con Schema di Regolamento di Economato

Salvio Biancardi

€ 64,00 Iva assolta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *