Questo articolo è stato letto 0 volte

Si riduce divario di ricchezza tra regioni europee

Gli elevati tassi di crescita nelle regioni meno sviluppate hanno contribuito a ridurre il divario nei confronti della media EU rispetto al 2000 secondo quanto emerge dai dati più recenti relativi al PIL pro capite (2008). La mappa del PIL pro capite mostra la situazione in tutte le 271 regioni dell’UE cosiddette NUTS (Nomenclature of Territorial Units for Statistics – Nomenclatura delle unità territoriali per le statistiche) rispetto alla media UE. Nel 2008, 64 regioni risultavano avere un PIL pro capite inferiore al 75% della media UE con il coinvolgimento di 119 milioni di persone, un numero inferiore rispetto ai 131 milioni di persone nelle 69 regioni nel 2000.
>> PIL pro capite 2008 (nota breve)
>> Eurostat: PIL pro capite in PPS
>> Eurostat: tasso di crescita reale del PIL

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *