Roma, Raggi: “Non mi sento commissariata”. Colomban: “Non posso fare il vicesindaco”

L’assessore alle Partecipate annuncia il suo rifiuto a ricoprire l’incarico di vice al posto di Frongia. Ma è disposto ad affiancare la sindaca “nelle scelte strategiche”

La Repubblica
19 Dicembre 2016
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
ROMA – “Se mi arriverà un avviso di garanzia? Valuterò”. Così Virginia Raggi uscendo stamani da casa per recarsi in Campidoglio dove l’aspetta un’altra giornata impegnativa, alla fine della quale potrebbe arrivare la designazione del nuovo vicesindaco. “Non sono commissariata e mi sento ancora dentro M5S”, ha precisato la sindaca della Capitale.

Intanto la sindaca sembra aver vinto la sua battaglia contro i vertici del M5s che avrebbero voluto imporle come vicesindaco l’attuale assessore alle Partecipate Massimo Colomban, imprenditore veneto vicino alla Casaleggio Associati. Colomban, però, si è dichiarato non disponibile a prendere la poltrona occupata fino a sabato sera da Daniele Frongia: “Sono onorato ma non posso farlo”,

ha dichiarato stamane alle agenzie e ha aggiunto: “Non ho né il tempo né la disponibilità per assumere il ruolo di vicesindaco, come imprenditore e tecnico preferisco completare il compito di assessore alla riorganizzazione delle Partecipate, prima di assumere altri impegni gravosi o politici”. Tuttavia Colomban si è detto disposto ad affiancare Raggi “nelle scelte organizzative e strategiche sia nel Comune di Roma che nelle partecipate”….

Redazione