Questo articolo è stato letto 84 volte

Riqualificazione delle periferie: CDP vara un nuovo strumento

Attraverso un recente comunicato la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) rende noto il lancio del nuovo “Prestito Riqualificazione Periferie Urbane”, strumento finanziario in grado di accelerare il processo di riconversione delle periferie delle città italiane. Il prodotto mette a disposizione degli Enti locali beneficiari delle risorse statali del “Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie” i fondi necessari per avviare immediatamente –  e completare in tempi certi – gli investimenti approvati, anticipando le risorse statali in attesa del loro effettivo incasso.

Riqualificazione delle periferie: i progetti

L’operazione riguarda 120 progetti per un controvalore complessivo di circa 3,8 miliardi di euro (di cui 2,1 miliardi finanziati da risorse statali e il resto da soggetti pubblici e privati).
Gli interventi finanziati riguarderanno una serie di progetti volti a:
– migliorare la qualità del decoro urbano;
– riutilizzo delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti;
– potenziamento delle strutture per l’inclusione sociale;
– adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali e culturali, educativi e didattici.

I beneficiari del prestito CDP

Beneficiari del prestito CDP sono tutti quei Comuni capoluogo di provincia, Comune di Aosta, Città metropolitane e alcuni comuni delle aree metropolitane di riferimento, assegnatari del finanziamento statale. Attraverso questo strumento, Cassa Depositi e Prestiti conferma il suo ruolo di Istituto Nazionale di Promozione e di partner storico degli Enti locali, e contribuisce concretamente alla realizzazione di uno dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU: rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili. La dimensione urbana è infatti elemento cruciale per favorire il miglioramento della qualità della vita e l’incremento delle opportunità economiche e lavorative dei cittadini.
Le condizioni generali del prestito sono presenti all’interno di una nuova sezione della circolare CDP n. 1280/2013 che regola le Condizioni generali per l’accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti da parte degli enti locali, disponibile sul sito cdp.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *