Questo articolo è stato letto 3 volte

Riparto del contributo alla finanza pubblica posto a carico delle province

Sono stati firmati dal Ministro dell’interno Alfano – si legge in una nota del Ministero dell’interno di ieri – tre decreti ministeriali  che determinano il riparto del contributo alla finanza pubblica posto a carico delle province ricomprese nelle regioni a statuto ordinario e delle province delle regioni Siciliana e Sardegna, pari complessivamente a 344,5 milioni di euro per l’anno 2014.

I provvedimenti, nell’ambito delle politiche di c.d. “spending-review”, sono previsti dall’articolo 47 del decreto legge n. 66 del 2014, in tema di risparmi della spesa media corrente, per acquisto di autovetture e di conferimento di incarichi e consulenze, e con essi si individuano le singole quote che ciascuna provincia deve versare entro il 10 ottobre 2014 al bilancio dello Stato, per effetto delle citate misure di risparmio.

In particolare i decreti che sono stati firmati dal Ministro dell’interno riguardano:

1. D.M. 10 ottobre 2014 – la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di 340 milioni di euro, per l’anno 2014, in proporzione alla spesa media sostenuta nel triennio 2011-2013, come risultante dai codici SIOPE,  comunicati dal MEF, come da elenco allegato;

2. D.M. 10 ottobre 2014 – la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di 3,8 milioni di euro, per l’anno 2014,  in proporzione alle spese per incarichi di consulenza, studio e ricerca e per i contratti di collaborazione coordinata e continuativa, sulla base dei dati comunicati dal Dipartimento della Funzione Pubblica – Ufficio per l’informazione statistica, le banche dati istituzionali ed il personale come da elenco allegato;

3. D.M. 10 ottobre 2014 – la determinazione del riparto del contributo alla finanza pubblica di 0,7 milioni di euro, per l’anno 2014, in proporzione al numero di autovetture, comunicato dal citato Dipartimento, come da elenco allegato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *