Questo articolo è stato letto 10 volte

Rinegoziazione mutui, si riparte: al via l’operazione secondo semestre 2015

Parte l’operazione Rinegoziazione secondo semestre 2015 per i comuni, le province e le città metropolitane, attraverso la quale gli enti interessati potranno gestire attivamente il debito, rimodulando la propria posizione debitoria.

Si riepilogano le caratteristiche principali dell’operazione:

Requisiti dei prestiti rinegoziabili 

  • ordinari a tasso fisso, variabile e flessibili con ammortamento interamente a proprio carico, eventualmente oggetto di  precedenti operazioni di rinegoziazione, con le eccezioni previste nella circolare CDP n. 1285 (per i comuni) e nella circolare CDP n. 1282 (per le province e le città metropolitane); 
  •  importo debito residuo di almeno 10.000,00 euro su ogni singola posizione; 
  •  scadenza del piano di ammortamento successiva al 31 dicembre 2019. 

L’operazione prevede

  • pagamento, alla data del 31 dicembre 2015, della sola quota interessi prevista dal piano di ammortamento vigente ante rinegoziazione;
  • debito residuo da rinegoziare riferito al 1° luglio 2015. 

Per aderire all’operazione sarà necessario accedere all’applicativo web all’interno del Portale dei Finanziamenti, disponibile a sinistra, utilizzando le credenziali già in uso per l’Accesso alle Aree Utenti.
Se non si dispone delle credenziali occorrerà registrarsi compilando l’apposito modulo “Richiesta registrazione” da trasmettere a CDP secondo le istruzioni in esso riportate.

Il periodo di adesione va dal 5 al 19 novembre 2015.

Per specifiche e approfondimenti su tempistica e adempimenti formali si rimanda alle circolari CDP n. 1285  e n. 1282 e per la determinazione delle relative condizioni finanziarie alla Nota tecnica.

>> il fac simile del contratto di rinegoziazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *