Questo articolo è stato letto 0 volte

Riforme, come cambia il procedimento di conversione dei decreti legge

Con l’approvazione dell’articolo 16 del d.d.l. riforme da parte dell’aula del Senato, cambia il procedimento di conversione dei decreti legge. 

A regime, il Senato disporrà l’esame dei relativi disegni di legge entro 30 giorni dalla loro presentazione alla Camera e le proposte di modifiche potranno essere deliberate entro 10 giorni dalla data di trasmissione del dl da parte della Camera, che deve avvenire non oltre 40 giorni dalla presentazione. 

La riforma costituzionale – sempre all’articolo 16 – stabilisce anche limiti di materia, divieti di contenuto e precisi vincoli per ladecretazione d’urgenza, la cui portata si estende anche alla legge di conversione del decreto, traducendosi quindi in limite non solo per il governo, ma anche per l’attività emendativa parlamentare. 

Il limite per la conversione in legge rimane 60 giorni. Solo nel caso il presidente della Repubblica rimandi indietro il testo prima della promulgazione, il totale dei giorni sale a 90 giorni.

(Fonte: Public Policy)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *