Questo articolo è stato letto 588 volte

Riforma PA, si riparte? Correzioni ai decreti attuativi quasi pronte

Riforma PA

Riforma Madia: sono praticamente pronte le correzioni elaborate dal Governo ai fini di porre rimedio alle conseguenze cagionate dalla sentenza della Corte Costituzionale 25 novembre 2016, n. 251 (censura relativa alla mancanza di intesa nella Conferenza Stato-Regioni su alcuni dei decreti attuativi della riforma PA). Secondo il quotidiano Il Messaggero il decreto con il quale il ministro della Funzione pubblica, Marianna Madia, ha introdotto il licenziamento veloce, in soli 30 giorni, dei “furbetti del cartellino” (licenziamenti disciplinari), verrà leggermente modificato ma, nella sostanza, sarà confermato nei suoi contenuti fondamentali.

Riforma Madia: si riparte

Nella giornata di giovedì il ministro Madia dovrebbe incontrare i governatori al fine di sottoporre loro le modifiche che intende apportare ai provvedimenti investiti dalla pronuncia: l’obiettivo è avere un via libera entro il 2 febbraio, ed evitare così che stralci rilevanti della riforma possano decadere.
Per i furbetti del cartellino, ossia i dipendenti pubblici che sono colti in flagrante a timbrare senza essere al lavoro, rimarrà la sospensione dallo stipendio entro le 48 ore, ed anche la procedura accelerata di licenziamento in 30 giorni (misure-simbolo del provvedimento).

Consulta la nostra Pagina speciale sulla Riforma Madia.

Licenziamenti disciplinari e partecipate

Secondo quanto riportato dal Messaggero “alcuni step intermedi, come il tempo assegnato al dirigente per avviare la procedura disciplinare, potrebbero essere leggermente ritoccati allungandoli, ma sempre tenendo fermi i 30 giorni massimi per il licenziamento. Anche per il decreto sulle partecipate, un altro di quelli a rischio dopo la sentenza della Consulta, saranno apportate alcune modifiche chieste dai governatori per dare il via libera ad un’intesa in grado di sanare il provvedimento. La soglia di fatturato minimo consentito alle società, al di sotto della quale scatta la chiusura, dovrebbe essere abbassata dall’attuale milione di euro a 700-800 mila euro”.

Sempre questa settimana il ministro per la PA Madia dovrebbe presentare alle Regioni (ed ai sindacati) anche il decreto attuativo sul pubblico impiego, idoneo ad aggiornare tutte le regole dell’impiego pubblico ed innesco a questo punto decisivo della stagione contrattuale (dopo l’intesa con i sindacati del 30 novembre scorso per un aumento di 85 euro lordi mensili).

Testo unico in materia di di societ a partecipazione pubblica

Testo unico in materia di di societ a partecipazione pubblica

Ciro DAries - Stefano Glinianski - Tiziano Tessaro, 2016, Maggioli Editore
Negli ultimi anni è particolarmente cresciuta l’attenzione dell’opinione pubblica e della magistratura contabile sulle ricadute che gli enti e le società partecipate possono determinare sui bilanci degli enti pubblici. La Corte dei Conti, esprimendosi a più...

32,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *