Questo articolo è stato letto 150 volte

Riassegnazione degli spazi finanziari per l’anno 2017 a favore degli Enti locali

È in procinto di essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 26 aprile 2017, n. 77112 concernente la riassegnazione degli spazi finanziari per l’anno 2017 di cui all’articolo 1, commi da 485 a 494 della legge 11 dicembre 2016, n. 232 a favore degli Enti locali, in attuazione del cosiddetto “Patto di solidarietà nazionale verticale”.

Il portale della Ragioneria dello Stato ha diffuso il testo in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il provvedimento concerne nello specifico la riassegnazione degli spazi finanziari per l’anno 2017 per complessivi 700 milioni di euro, di cui 300 milioni di euro destinati a interventi di edilizia scolastica, agli enti locali che hanno effettuato richiesta ai sensi dell’articolo 1, commi da 485 a 494, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, al fine di favorire gli investimenti da realizzare attraverso l’utilizzo dei risultati di amministrazione degli esercizi precedenti e il ricorso al debito. Gli Allegati 1 e 2 del citato decreto sostituiscono gli Allegati 1 e 2 del precedente decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 14 marzo 2017, n. 41337. Rimangono ferme le altre disposizioni di cui agli articoli 1, 2 e 4 del richiamato decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 14 marzo 2017, n. 41337.

Gli Enti locali beneficiari degli spazi finanziari di cui all’articolo 1, comma 485, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, ed i relativi spazi finanziari assegnati, trovano evidenza nella tabella di cui all’Allegato 1 del decreto del Ministero dell’economia e delle finanze 26 aprile 2017, n. 77112.

Gli spazi finanziari della tabella di cui all’Allegato 1 trovano evidenza, per ciascun Ente locale, nella cella (r) del prospetto VAR/PATTI/2017, presente sull’applicativo web http://pareggiobilancio.mef.gov.it.

>> CONSULTA IL TESTO DEL DECRETO DEL MEF

>> Per tutte le informazioni in merito al provvedimento si consiglia di consultare la pagina dedicata sul portale della Ragioneria Generale dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *