Questo articolo è stato letto 285 volte

Recovery Plan, il primo passo è il Decreto Semplificazioni

Senza un apparato amministrativo agile ed efficiente, il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR, Recovery Plan) non vedrà mai il suo compimento. Per questa ragione l’imminente Decreto Semplificazioni fungerà da battistrada per tutte le altre riforme. Il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta in occasione di un’intervista con Il Sole 24 Ore ha illustrato finalità e ratio del provvedimento, concentrandosi in special modo sulle implicazioni in termini di digitalizzazione e riferendosi, a mo’ di esempio, alla campagna vaccinale attualmente in corso: “Voglio estendere a tutte le attività della PA lo stesso modello straordinario di semplificazione, capillarità, digitalizzazione, efficienza, accoglienza e cortesia che i cittadini stanno sperimentando ora. Ciò che adesso appare straordinario diventerà normale”.

Il silenzio assenso certificato

Il ministro ha poi introdotto il tema del silenzio assenso certificato: “Stabiliamo che la PA, su richiesta dell’interessato, dovrà rilasciare un’attestazione che dimostri l’avvenuta formazione del silenzio-assenso, come da tempo chiedono associazioni imprenditoriali e Ordini. Anche tra amministrazioni afforziamo la perentorietà dei termini entro cui si dovranno esprimere i pareri in conferenza dei servizi. Immagino un’Amministrazione che in pochi mesi riesca a salutare la nascita di ogni bambino e di ogni nuova azienda con una app di benvenuto: che non solo li informi dei servizi a cui hanno diritto – conclude Brunetta – ma che li accompagni nelle varie tappe del loro ciclo vitale.”

Leggi anche “Collaborazione interistituzionale centrale per la riforma della Pubblica Amministrazione“.

Il Piano unico

Altro tema fondamentale è la riduzione dei documenti di programmazione negli enti pubblici; a tal fine sarà elaborato in sostituzione un “Piano unico” in materia di organizzazione, performance, valutazione, lavoro agile e transizione digitale. L’obiettivo, anche tramite l’integrazione trasversale, è uniformare il sistema al principio “once only”, secondo il quale la PA non deve chiedere ai cittadini informazioni già trasmesse in passato. Intanto, per accelerare al massimo le tempistiche operative, lo scorso 6 maggio Brunetta ha nominato il Comitato consultivo per la transizione amministrativa, mentre a breve la Conferenza Unificata passerà al vaglio lo schema di un nuovo accordo con gli enti territoriali.

Leggi anche “Semplificazione amministrativa: criticità e soluzioni“.

>> IL NOSTRO FOCUS IN TEMA DI SEMPLIFICAZIONI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

 

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e la Politica di Coesione 2021-2027
Le opportunità per Amministrazioni Pubbliche e Professionisti
Corso on-line in diretta a cura di Mauro Cappello
Lunedì 24 maggio 2021, ore 11 – 13

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *