Questo articolo è stato letto 149 volte

Province: “Garantire su tutto il territorio pari qualità dei servizi offerti ai cittadini”

Province: “Garantire su tutto il territorio pari qualità dei servizi offerti ai cittadini”

La revisione della riforma delle Province, la necessità di garantire su tutto il territorio pari qualità dei servizi offerti ai cittadini, la centralità degli investimenti locali per assicurare la ripresa e mettere in sicurezza un patrimonio pubblico che è presidio di cittadinanza, la sfida del regionalismo differenziato per le autonomie locali: questi i temi che il presidente dell’UPI, Michele de Pascale insieme ai vicepresidenti Carlo Riva Vercellotti e Stefano Marcon hanno portato all’attenzione della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati nel corso dell’incontro svoltosi giovedì scorso.

Il Parlamento sarà impegnato a breve su alcuni dossier che riguardano direttamente le Province – hanno affermato i rappresentanti delle Province – a partire dalla revisione della riforma di queste istituzioni, le cui Linee guida si stanno scrivendo al Tavolo del Ministero dell’Interno e che dovranno poi essere tradotte in norme. Ma di altrettanta importanza sono gli interventi normativi che riguarderanno i cantieri e le opere pubbliche, nei quali ci auguriamo si riesca a trovare risposta all’urgenza di investimenti sul patrimonio gestito dalle Province: 130mila chilometri di strade e oltre 5mila scuole secondarie superiori”.

“Alla presidente del Senato – hanno proseguito i rappresentanti UPI – abbiamo poi rivolto la nostra richiesta affinché il Parlamento abbia un ruolo centrale nel percorso di attuazione del regionalismo differenziato, perché crediamo che una riforma di tale impatto sul sistema Paese debba trovare spazi di confronto tra tutte le istituzioni”. “Su questi temi – hanno concluso de Pascale, Vercellotti e Marcon – abbiano riscontrato piena attenzione da parte della presidente Casellati, che non possiamo che ringraziare per il suo ascolto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *