Questo articolo è stato letto 142 volte

Piccoli Comuni: case a 1 euro contro lo spopolamento

Case a 1 euro contro lo spopolamento

È giunto il plauso dell’ANCI alle iniziative volte a contrastare lo spopolamento messe in campo dai singoli Comuni con minore dimensione demografica: un fenomeno quello dello spopolamento che negli ultimi decenni ha più che dimezzato la popolazione dei Piccoli Comuni. Per “riportare vita” nei propri borghi, infatti, seguendo l’idea lanciata alcuni anni fa dalla cittadini siciliana di Salemi molti piccoli Comuni hanno venduto le abitazioni dismesse al prezzo simbolico di 1 euro con l’impegno, per chi le acquista, di ristrutturarle a spese proprie e riabitarle.
Un’operazione alla quale al Tg1 ha dedicato ieri un servizio realizzato all’interno di uno dei borghi simbolo dell’iniziativa, Ollolai, paesino sardo di 2mila anime nella Barbagia.

I molteplici versanti della dimensione demografica

La dimensione demografica secondo l’ANCI non si configura come un difetto, lo spopolamento ed il rischio di desertificazione di territori spesso molto estesi del nostro Paese sono invece un rischio concreto per la collettività.
L’Associazione dei Comuni è da tempo impegnata nel rilancio di queste aree, in particolare, con “Agenda Controesodo”approvata dalla  XVII Conferenza Nazionale Piccoli Comuni il 30 giugno scorso a San Benedetto del Tronto.
Il nostro Paese ha necessità di politiche di sostegno per il sistema locale e per il rilancio dei territori, a partire da quelli più disagiati. La ripresa socio-economica passa anche attraverso una sensibile inversione di tendenza all’abbandono dei territori per la quale occorre adottare urgenti politiche di sistema in grado di promuovere e rilanciare organicamente lo sviluppo economico, sociale, ambientale e culturale.

Piccoli Comuni: le prospettive

Circa il 70% del territorio nazionale è costituito da aree a scarsa densità abitativa che ove abbandonato e non più presidiato costituisce inoltre un forte costo per tutta la collettività. Questo percorso, da subito, può avviarsi partendo da una maggiore semplificazione e minore burocrazia con un programma di investimenti e di sostegno adeguato.
Una questione affrontata anche all’interno dell’articolato della Legge sui Piccoli Comuni approvata tre settimane fa dal Senato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *