Questo articolo è stato letto 8 volte

Parlamento, le 94 leggi a metà del guado: dallo ius soli alla legittima difesa

Fonte: La Repubblica

Sei mesi al massimo, non di più. Per qualcuno decisamente meno, addirittura la metà: nessuno sa con certezza quanto ancora durerà la diciassettesima legislatura. Quel che è certo è che l’attività parlamentare che riprende oggi anche in aula dopo la pausa estiva (39 giorni) è ormai agli sgoccioli. Il tempo stringe e deputati e senatori, in queste settimane, si ritroveranno ad affrontare principalmente la legge di bilancio e l’aggiornamento del Def, il documento di economia e finanza.
Accanto a questi provvedimenti fondamentali e obbligatori, giacciono i 5.826 disegni di legge presentati dall’insediamento delle Camere nel marzo del 2013. Di questi, ha calcolato Openpolis, ce ne sono 94 che sono messi meglio di altri perché già approvati da uno dei due rami del Parlamento e in attesa del voto finale nell’altro. Disegni di legge che vanno dalla riforma del diritto di cittadinanza, con l’introduzione dello ius soli, a quella del codice antimafia, dal reato di propaganda fascista alla legge sulle demolizioni degli edifici abusivi.
Di questi, le leggi con più chance di vedere la luce sono quelle incardinate a Montecitorio, dove la maggioranza non ha problemi di numeri. Buona parte dei provvedimenti fermi alla Camera (il 41%) riguardala ratifica dei trattati internazionali che non dovrebbero avere troppe difficoltà a completare l’iter…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *