Questo articolo è stato letto 3 volte

Nozze Gay, il Consiglio di Stato annulla il registro del Comune di Roma

Il Consiglio di Stato riapre il tema della trascrizione delle nozze gay all’estero. I giudici amministrativi di secondo grado, ribaltando una decisione del TAR, hanno annullato il registro del Comune di Roma per la trascrizione delle nozze gay celebrate all’estero. Polverone sul giudice che ha emesso la sentenza che nel suo profilo Facebook si esprime “giudice, cattolico”. “Ho solo applicato la legge”, dice il giudice Carlo Deodato.

Il Ministro dell’Interno Alfano si è espresso in un comunicato stampa sulla pronuncia del Consiglio di Stato relativa alla non trascrivibilità dei matrimoni tra persone dello stesso sesso contratti all’estero.
Questa la dichiarazione del titolare del Viminale: “L’anno scorso mia circolare su divieto trascrizione nozze gay contratte all’estero. Polemiche, aggressioni talvolta violente e una pioggia di ricorsi. Adesso il Consiglio di Stato mi dà ragione su tutta la linea: i matrimoni tra persone dello stesso sesso non sono previsti dalla legge italiana, pertanto le trascrizioni fatte dai sindaci sono illegittime e la vigilanza è di competenza dei Prefetti. Molto bene”.

La sentenza
Il matrimonio è tale solo tra persone di sesso diverso, altrimenti si tratta di un atto “inesistente”. Lo stabilisce il Consiglio di Stato con la sentenza n. 4899 del 26.10.2015 che ha ribaltato la decisione del TAR annullando il registro del Comune di Roma per la trascrizione delle nozze gay celebrate all’estero. La sentenza indica “la diversità di sesso dei nubendi quale prima condizione di validità e di efficacia del matrimonio”, “in coerenza con la concezione del matrimonio afferente alla millenaria tradizione giuridica e culturale dell’istituto, oltre che all’ordine naturale costantemente inteso e tradotto nel diritto positivo come legittimante la sola unione coniugale tra un uomo e una donna”.
Quindi, secondo i giudici del Consiglio di Stato, l’atto matrimoniale all’estero tra due persone dello stesso sesso “risulta sprovvisto di un elemento essenziale (nella specie la diversità di sesso dei nubendi) ai fini della sua idoneità a produrre effetti giuridici nel nostro ordinamento”.
L’atto appare, più che nullo, “inesistente”, visto che manca “di un elemento essenziale della sua stessa giuridica esistenza”. E dunque “il matrimonio omosessuale deve intendersi incapace, nel vigente sistema di regole, di costituire tra le parti lo status giuridico proprio delle persone coniugate proprio in quanto privo dell’indefettibile condizione della diversità di sesso dei nubendi, che il nostro ordinamento configura quale connotazione ontologica essenziale dell’atto di matrimonio”.
La sentenza interviene poi anche su un altro aspetto e cioè sulla legittimità della decisione del prefetto di Roma (all’epoca Giuseppe Pecoraro, ndr) di annullare le trascrizioni delle unioni omosessuali all’estero disposte dal sindaco Ignazio Marino. Il TAR aveva negato al prefetto questo potere, “reputando la relativa potestà riservata in via esclusiva al giudice ordinario”. Il Consiglio di Stato ribalta la decisione sottolineando il “potere di annullamento gerarchico d’ufficio da parte del prefetto degli atti illegittimi adottati dal sindaco, nella qualità di ufficiale di governo, senza il quale, peraltro, il loro scopo evidente, agevolmente identificabile nell’attribuzione al prefetto di tutti i poteri idonei ad assicurare la corretta gestione della funzione in questione, resterebbe vanificato”. Infatti, argomentano i giudici, “se si negasse al prefetto la potestà in questione, la sua posizione di sovraordinazione rispetto al sindaco (allorchè agisce come ufficiale di governo), in quanto chiaramente funzionale a garantire l’osservanza delle direttive impartite dal ministro dell’interno ai sindaci e, in definitiva, ad impedire disfunzioni o irregolarità nell’amministrazione dei registri di stato civile, rimarrebbe inammissibilmente sprovvista di contenuti adeguati al raggiungimento di quel fine”. 
La sentenza infine osserva che “il dibattito politico e culturale in corso in Italia sulle forme e sulle modalità del riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali sconsiglia all’interprete qualsiasi forzatura (sempre indebita, ma in questo contesto ancor meno opportuna) nella lettura della normativa di riferimento che, allo stato, esclude, con formulazioni chiare e univoche, qualsivoglia omologazione tra le unioni eterosessuali e quelle omosessuali”.

Grillini (Gaynet), il giudice della sentenza è di Cl e pro family 
 “L’euforia della destra italiana, la peggiore e più bacchettona d’Europa, per la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all’estero, è del tutto ingiustificata”: è il commento di Franco Grillini, presidente di Gaynet ed esponente storico della comunità lgbt italiana, che punta il dito contro il giudice estensore della sentenza, che “è un simpatizzante di Comunione e Liberazione e nel suo profilo Facebook pubblicizza link e si schiera con le iniziative delle Sentinelle in piedi” per cui “è mancata la terzietà e va quindi rivista la sentenza affidando il procedimento ad un giudice terzo”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *