Questo articolo è stato letto 96 volte

Missione impossibile: dematerializzare la Pubblica Amministrazione

Fonte: Sole 24 Ore

(dal Sole 24 Ore) – In collaborazione con Mimesi s.r.l.

Il Comune di Milano ha elaborato un piano di trasformazione digitale trasversale, che agisce su diversi ambiti, dalla mobilità all’educazione, dal bilancio alla sicurezza, dalle politiche sociali ai servizi al cittadino. L’intento è fornire sempre più servizi digitali, semplificando la relazione, evitando code agli sportelli o lunghi spostamenti in città. La strategia è basata su tre piani: allacciare partnership con le città internazionali molto più avanzate, lavorare in stretta collaborazione con il Team Digitale per essere area di sperimentazione dei progetti innovativi, offrire i servizi sviluppati alle altre città interessate.

Alcuni esempi di servizi offerti attraverso il Fascicolo del Cittadino: certificati anagrafici con valore legale, rilascio pass sosta, utilizzo di PagoPA per multe e tributi, iscrizioni a nidi e scuole d’infanzia, tra gli altri. «I principali nodi che si stanno affrontando? – spiega Roberta Cocco, assessore alla Trasformazione digitale -Internamente la dematerializzazione delle pratiche della PA, l’ottimizzazione e la semplificazione dei processi interni, un piano di interoperabilità in costante aggiornamento che serva come struttura di base per lo sviluppo di servizi al pubblico. Verso il cittadino: ossessione alla semplificazione dei processi, aumento dell’offerta dei servizi online, potenziamento del Wifi pubblico, collaborazione con il privato per iniziative di educazione digitale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *