Questo articolo è stato letto 351 volte

Manovrina 2017: gli emendamenti approvati in materia di personale

di VINCENZO GIANNOTTI

In sede di conversione in legge del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, recante “disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo”(c.d. Manovrina 2017), sono stati approvati emendamenti che incidono sugli ambiti assunzionali degli Enti locali. Qui di seguito l’impatto delle nuove disposizioni qualora le stesse siano confermate in sede di conversione definitiva del citato decreto.

Manovrina 2017: nuove capacità assunzionali

Il d.l.50/2017 aveva modificato, con l’art. 22 comma 2, le disposizioni contenute nella legge di stabilità 2016 che avevano ridotto le capacità assunzionali dei comuni al 25% delle cessazioni avvenute nell’anno precedente, prevedendo per gli anni 2017 e 2018 un ampliamento del turn over al 75% anche per i Comuni con popolazione superiore ai 10.000 abitanti. Un emendamento approvato al citato d.l. in sede di conversione in legge, aumenta le capacità assunzionali per i comuni di minore dimensione demografica (comuni con popolazione compresa tra i 1.000 e i 3.000 abitanti) al 100% delle cessazioni, purché in presenza di una spesa del personale inferiore al 24% della media delle entrate correnti registrate nei conti consuntivi dell’ultimo triennio.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *