Questo articolo è stato letto 21 volte

Lombardia, vaccini obbligatori nei nidi: le indicazioni dell’assessore regionale

Fonte: La Repubblica

Le nuove regole per i nidi saranno approvate entro giugno. Al contrario del piano su cui, con i sindacati, si lavora da mesi. Ma che adesso è sul punto di sfumare. Salta l’accordo tra Pirellone e medici di famiglia per la somministrazione del vaccino anti-meningite: da mesi l’assessorato al Welfare è in trattativa con i sindacati, per far sì che anche i medici di base facciano le vaccinazioni, per sfoltire le lunghe code nei centri, dove oggi è tutto esaurito fino a fine 2017. Se non fosse, però, che la quadra sembra impossibile da trovare: “A questo punto, se l’intesa non sarà chiusa entro lunedì, procederemo con accordi con i singoli medici che vorranno aderire”, dice l’assessore Giulio Gallera. Una disdetta, considerando che sul tema la Regione sta puntando tanto: entro l’estate, la giunta Maroni approverà nuove regole per gli asili nido. Tra queste, l’obbligo per le strutture di richiedere alle famiglie i certificati vaccinali dei bimbi. Che quindi, se non vaccinati, non potranno essere iscritti.

La novità segue l’ordine del giorno approvato dal Consiglio regionale a inizio aprile, su proposta degli alfaniani di Lombardia Popolare. Il documento prevede che per iscrivere i bimbi al nido, questi abbiano fatto i quattro vaccini obbligatori, contro tetano, difterite, epatite B e poliomelite….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *