Questo articolo è stato letto 259 volte

Lavoro agile nella Pubblica Amministrazione: 3 punti fondamentali

Lavoro agile anche nella Pubblica Amministrazione: giungono rilevanti indicazioni dalle anticipazioni della direttiva che giungerà nella giornata di domani al confronto con Regioni ed Enti locali in Conferenza Unificata. A confermarlo un comunicato del Ministero della Pubblica Amministrazione.

Smart working nella PA: il tetto del 10% dei dipendenti

Saranno dunque le singole amministrazioni a definire quali settori potranno applicare il cosiddetto “lavoro agile”, che non potrà tuttavia coinvolgere più del 10% dei dipendenti.
La direttiva, accompagnata da un centinaio di pagine di linee guida in cui si dettagliano gli aspetti operativi e assicurativi, mette in atto una doppia regola: quella dell’art. 14 della l. 124/2015 che chiede al Governo di emanare direttive per “conciliare i tempi di vita e di lavoro”, e l’articolo 15 del c.d. “Jobs Act autonomi”, che scandisce una disciplina del lavoro agile senza dividere settore pubblico e privato.

Consulta la Pagina speciale dedicata alla RIFORMA MADIA.

I punti di rilievo in vista della Conferenza Unificata

Da un punto di vista prettamente operativo sono 3 gli orizzonti decisivi che verranno attuati mediante le nuove istruzioni (operative solo dopo il necessario confronto con gli Enti territoriali):
– sarà compito della singola amministrazione individuare quali settori possono applicare lo smart working;
-sempre compito delle amministrazioni di riferimento sarà tracciare il livello di adesioni sostenibile per gli uffici, all’interno del tetto generale del 10%;
– chi aderisce allo “smart working” non potrà essere penalizzato né in termini economici (lo vieta il “Jobs Act autonomi”) né in fatto di prospettive di carriera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *