Questo articolo è stato letto 20 volte

L’auspicio dei Comuni (sindaci): “Nuovo Governo e Parlamento ci aiutino a svolgere il nostro ruolo”

L’auspicio dei Comuni (sindaci): "Nuovo Governo e Parlamento ci aiutino a svolgere il nostro ruolo"

“Ogni 16 ore un sindaco è oggetto di intimidazioni e minacce: incendi di vetture, proiettili nelle buste, teste di animali fatte recapitare. Chi vuole intimidire lo Stato sceglie il soggetto più vicino, il sindaco. A nome di tutti i sindaci di ogni colore politico, a nome dell’ANCI e del suo presidente Antonio Decaro, chiediamo al nuovo Governo (non ancora nato, ndre al Parlamento di essere messi nelle condizioni di assolvere nel migliore dei modi le nostre funzioni”. Questo il monito lanciato dal sindaco di Catania e presidente del Consiglio nazionale ANCI, Enzo Bianco, dinnanzi alla numerosa platea intervenuta al Teatro San Carlo di Napoli, in occasione dell’evento “Il Sindaco Pescatore”, dedicato ad Angelo Vassallo, il primo cittadino di Pollica assassinato nel 2010 (in merito a quest’omicidio si cercano ancora i colpevoli). Proprio negli scorsi giorni era stata presentata la settima edizione del Rapporto “Amministratori sotto tiro”, nella quale si metteva in evidenza con il supporto dei dati una situazione talora drammatica.
“I sindaci si sentono ogni giorno colpiti da atti intimidatori e minacce ma si sentono ancora più colpiti quando ad essere colpita è la loro reputazione. Dopo un disastro ambientale, ad esempio – ha ricordato Bianco – il colpevole indicato è sempre il sindaco che viene messo all’indice dalle prime pagine dei giornali. Poi magari viene assolto ma questa notizia viene relegata in fondo al giornale con poche righe nascoste. Serve comprensione sul nostro ruolo – ha continuato Bianco – per questo chiediamo di essere aiutati e supportati nella nostra azione di servizio verso le nostre comunità, servizio che assolviamo quotidianamente con la passione che aveva Angelo Vassallo”. “Ho conosciuto Angelo – ha ricordato inoltre il sindaco di Catania – quando venni eletto presidente dell’ANCI e ricordo bene la sua passione per l’ambiente. Ha lasciato in tutti noi un solco profondo e un grande esempio. Ho la percezione che chi si è macchiato di questo crimine sarà presto assicurato alla giustizia”.
Dal canto suo il sindaco di Napoli e vicepresidente ANCI, Luigi de Magistris, aprendo i lavori al San Carlo ha spiegato: “Con la forza di questo luogo, della città di Napoli e dell’ANCI lanciamo al nuovo Parlamento il messaggio che bisogna cambiare dando forza ai sindaci, legiferando in modo diverso dando priorità ai territori e sostegno ai sindaci”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *