Questo articolo è stato letto 5 volte

L’aula dà fiducia al milleproroghe

Fonte: Italia Oggi

Una moratoria per i debiti degli agricoltori e l’impegno «a porre in essere tutte le necessarie iniziative volte a scongiurare il collasso del sistema economico siciliano e di tutto il Sud». Si è chiusa ieri con l’approvazione di questi, e altri, ordini del giorno la seduta durante la quale la camera ha votato la fiducia al decreto milleproroghe. L’ok al provvedimento è previsto per martedì prossimo e poi il decreto passerà all’esame del Senato dove già si annunciano alcune modifiche. Diverse le novità approvate. I lavoratori che lasceranno il lavoro con 42 anni di anzianità, prima di avere compiuto i 62 anni d’età (41 e un mese per le donne) non avranno penalizzazioni se lasciano il lavoro con un’anzianità contributiva maturata entro il 31 dicembre 2017, inclusi i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l’assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e cassa integrazione ordinaria. Agli esodati (coloro che accettando incentivi economici dall’azienda in crisi si sono licenziati con la prospettiva di andare i pensione entro i successivi due anni e che con le nuove norme hanno visto svanire questa possibilità) non verrà applicata la riforma Fornero se hanno risolto il rapporto di lavoro entro il 31 dicembre 2011. Se le risorse non fossero sufficienti potrebbe scattare un aumento dei contributi che le imprese versano per gli ammortizzatori sociali. Le risorse per ora arriveranno da un incremento dell’aliquota di base dell’accisa sui tabacchi lavorati per assicurare «maggiori entrate in misura non inferiore a 15 milioni di euro per l’anno 2013 e 140 milioni annui a decorrere dal 2014». Slittano poi i termini per la presentazione della richiesta dei rimborsi elettorali relativi al rinnovo del Consiglio regionale del Molise, mentre le concessioni su spiagge, laghi e porti, anche ad uso diverso da quello turistico-ricreativo, in essere al 31 dicembre 2011 sono prorogate di un anno. Infine, si riduce di sei mesi la proroga che dà la facoltà ai medici di svolgere attività intramoenia nella struttura in cui operano. La data è fissata al 30 giugno 2012.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *