L’accesso civico come strumento di trasparenza amministrativa

Fonte: Istituzioni del federalismo

Assume rilievo per le amministrazioni locali l’articolo pubblicato sulla rivista Maggioli Istituzioni del Federalismo (e ripreso presso il portale della Regione Emilia Romagna) a firma di Anna Simonati dal titolo L’accesso civico come strumento di trasparenza amministrativa: luci, ombre e prospettive future (anche per gli Enti locali).
Come si legge all’interno dell’articolo “Mediante il d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33, è stato introdotto nell’ordinamento italiano l’accesso civico, quale strumento di trasparenza amministrativa. Nonostante esso sia distinto dal diritto di accesso ai documenti amministrativi disciplinato nella legge 241 del 1990, la giurisprudenza ha manifestato, nel momento applicativo, qualche incertezza circa la corretta delimitazione fra i due istituti. Il potenziamento dell’accesso civico ad opera del d.lgs. 25 maggio 2016, n. 97 ha complicato ulteriormente la situazione. La moltiplicazione delle tipologie di accesso – che corrisponde alla tendenziale polisemia della nozione di trasparenza attualmente accolta – dimostra la varietà degli strumenti a tutela dei cittadini nei loro rapporti con la Pa. Nel contempo, però, le valutazioni a cui i soggetti pubblici sono tenuti in questo campo sono oggi assai complesse….

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.