Questo articolo è stato letto 27 volte

La sostenibilità al centro del futuro assetto delle Public Utilities

Il nuovo impegno, di carattere europeo, volto all’attuazione di uno sviluppo sostenibile sarà tra le chiavi di volta della ripartenza post-Covid. In tale ottica sarà dunque necessario mettere in discussione il funzionamento e l’approccio delle Public Utilities. Tuttavia alcuni settori in particolare difficoltà richiedono quanto prima interventi sostanziali. È il caso del servizio idrico integrato della Regione Campania, per il quale sarà imprescindibile, oltre a un consistente investimento di carattere economico, una riforma efficace in più direzioni: dall’efficienza energetica alla capacità di riscossione, dal risparmio della risorsa idrica all’innovazione tecnologica, passando per una decisa innovazione digitale e infrastrutturale.

A tal fine, il Dipartimento di Studi Aziendali ed Economici della Università di Napoli Parthenope, assieme a Public Utilities, ha organizzato l’evento online “Il futuro del servizio idrico integrato in Campania. Non è infatti possibile realizzare un proposito tanto ambizioso senza prima aver instaurato un dialogo costruttivo tra i rappresentanti delle istituzioni e le principali figure manageriali attive nel settore. La videoconferenza, in programma giovedì 25 marzo 2021 dalle ore 14.30 alle 17.30, è stata realizzata grazie al contributo di Integraa Srl, società che si occupa di innovazione tecnologica nel SII. Stefano Pozzoli, professore ordinario presso la Facoltà di Economia dell’Università di Napoli Parthenope, nonché condirettore della Rivista “Public Utilities”, si occuperà del coordinamento dei lavori.

La partecipazione all’evento online è gratuita previa iscrizione e fino ad esaurimento posti.

>> CLICCA QUI PER ISCRIVERTI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *