Questo articolo è stato letto 157 volte

La nota interpretativa ANCI sul pagamento della sosta sulle strisce blu

L’ANCI segnala che a seguito di alcune note diffuse circa gli adempimenti a far data dal 1 luglio 2016 dove si paventava la possibilità per i cittadini a sostare gratuitamente nelle strisce blu – in assenza di dispositivi di controllo della durata della sosta in grado di accettare pagamenti elettronici -, è stata pubblicata la nota (predisposta dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani) e utile per i Comuni al fine di chiarire alcuni aspetti inerenti il pagamento della sosta mediante i c.d. parcometri anche in relazione delle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 (legge 208/2015).
La nota reca rubrica “Pagamento elettronico nelle aree destinate a parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma come previsto dai commi 900 e 901 della legge n. 208/2015 (Legge di Stabilità 2016)”.

Pagamento sosta strisce blu: la nota ANCI

La norma, che introduce la possibilità di pagamento della sosta anche tramite modalità elettroniche anche attraverso carte di credito e di debito, riguarda pertanto modalità di pagamento già esistenti. In attesa dell’emanazione dei decreti ministeriali previsti dalla legge, la nota chiarisce che l’eventuale assenza di sistemi di pagamento con carte di credito e di debito (fisiche o virtuali) non esime gli utenti dal rispetto delle norme del Codice della Strada e il mancato pagamento è soggetto alla sanzione emessa della Polizia Municipale o dagli Ausiliari della Sosta specificatamente nominati dal Sindaco.

>> CONSULTA LA NOTA INTERPRETATIVA ANCI.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *