Questo articolo è stato letto 121 volte

La crisi dei Comuni tra conoscenza dei processi amministrativi e contabili

Le criticità finanziarie dei Comuni italiani, colpiti dalla grande crisi, sono in questi ultimi anni aumentate. Il numero dei dissesti è cresciuto e anche la nuova fattispecie del riequilibrio, introdotta alla fine del 2012, è stata attivata da molti enti. Questo il nucleo concettuale analizzato nel corso dell’incontro pubblico “Le criticità finanziarie dei Comuni, norme, indicatori, prassi applicative” organizzato dal Ministero dell’Interno e dall’Università Ca’ Foscari di Venezia.

La crisi dei Comuni: norme e indicatori

Come si legge nel comunicato pubblicato sul portale di Legautonomie “Analizzare criticamente la documentazione prodotta da questi processi è molto importante per comprendere le dinamiche che producono gli squilibri finanziari e individuare suggerimenti validi per una razionalizzazione del sistema. I soggetti coinvolti sono molti: il legislatore, che è intervenuto più volte sulla materia, in modo spesso asistematico; il governo, che coordina la finanza locale; la Corte dei conti, che ha sviluppato un intenso controllo collaborativo, attraverso l’esame delle relazioni dei revisori contabili e degli indicatori di deficitarietà; il sistema creditizio, chiamato dal legislatore a supporto della finanza locale; il sistema delle imprese, che fornisce ai comuni beni e servizi. L’armonizzazione dei bilanci degli enti della pubblica amministrazione è l’occasione per migliorare efficienza ed efficacia della spesa, in conformità a fabbisogni e costi standard: insieme alla stabilizzazione dell’autonomia impositiva è la strada per realizzare una consistente accountability del policy maker”.

L’incontro promosso dal Ministero dell’interno

Per cogliere l’obiettivo occorre una profonda conoscenza dei processi amministrativi e contabili; per questo il Ministero dell’Interno e l’Università Ca’ Foscari di Venezia hanno realizzato il progetto di costruzione di una banca dati, in grado di raccogliere la documentazione riguardante le procedure di dissesto e riequilibrio dei Comuni italiani, base preliminare per lo sviluppo di analisi quantitative e qualitative. Questo primo incontro pubblico organizzato in collaborazione con Legautonomie e svoltosi lo scorso 8 maggio rende conto del percorso realizzato e apre la discussione sui risultati preliminari e sulle prospettive future.

>> CONSULTA LE SLIDE DELL’INCONTRO.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *