Questo articolo è stato letto 5 volte

Inps: rivoluzione e-governativa

Entro la fine del 2011 le domande di prestazioni all’Inps, compresa la pensione di vecchiaia e anzianità, potranno essere esclusivamente attraverso il canale telematico attraverso il sito dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale.

A partire dal prossimo gennaio, infatti, una ventina di servizi  potranno essere richiesti solo online. Tra questi rientrano anche la richiesta di disoccupazione ordinaria e agricola, per indennità di mobilità ordinaria e di assegno integrativo; l’iscrizione e la richiesta di variazione per la Gestione Separata, per i lavoratori domestici, i lavoratori dipendenti, gli agricoli e gli agricoli autonomi; tutte le tipologie di ricorsi; le certificazioni Ise/Isee; le segnalazioni di variazioni contributive; la richiesta di accentramento contributivo; la richiesta di assegno per il nucleo familiare ai lavoratori agricoli e ai disoccupati e in mobilità; le ricostituzioni (supplementi, assegni familiari, documentali, contributive, reddituali); le cure termali e per le dichiarazioni di responsabilità dei contribuenti (lavoratori dipendenti e agricoli).

L’obiettivo è di portare in rete il 100% dei servizi Inps e quindi di rendere esclusivamente telematica la possibilità di formulare domande e istanze all’Istituto nell’arco del prossimo biennio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *