Incentivi funzioni tecniche: il punto su normativa vigente e giurisprudenza dopo le ultime novità

Gli incentivi per funzioni tecniche sono compensi previsti in favore dei dipendenti delle Pubbliche Amministrazioni a fronte dello svolgimento di attività finalizzate alla conclusione di appalti. Operando in deroga al principio di onnicomprensività della retribuzione, detti incentivi sono erogabili solo a fronte dello svolgimento di specifiche attività ed in relazione a determinate categorie contrattuali. La delimitazione del loro ambito di operatività è stata oggetto di numerosi interventi normativi e di una copiosa giurisprudenza, in sede soprattutto contabile, ma anche amministrativa e civile.

Per fare luce sulle novità inserenti questi importante ambito tematico, Formazione Maggioli presenta il corso online in diretta Gli incentivi per funzioni tecniche – Il punto su normativa e giurisprudenza dopo le ultime novitàIl corso, a cura del nostro docente Marco Scognamiglio, illustra in modo organico la disciplina inerente a detti incentivi, attraverso una ricostruzione storico-sistematica della normativa e della giurisprudenza, con particolare riferimento alle problematiche poste recentemente all’attenzione della Corte dei conti, anche a seguito dei Decreti “Semplificazione” 2020 e 2021.

Attraverso le apposite funzionalità della piattaforma sarà possibile porre domande e quesiti al docente.

Corso on-line in diretta a cura di Marco Scognamiglio, magistrato della Corte dei conti, sezione di controllo per l’Emilia-Romagna e sezione giurisdizionale per l’Umbria
martedì 1° marzo 2022, dalle ore  9.00 alle 13.00.

Destinatari del corso

Il corso è rivolto a :

• RUP, dirigenti e funzionari addetti alla gestione degli appalti pubblici.

• Liberi professionisti interessati alla materia.

Programma del corso

La giornata formativa si concentra sulle seguenti questioni:

• Storia dell’istituto e sua evoluzione normativa. In particolare, l’incidenza sui limiti di spesa di personale e le regole applicabili ratione temporis.

• Le condizioni generali per l’incentivabilità. In particolare, il requisito della gara.

• Le attività incentivabili in base alla vigente disciplina.

• Le limitazioni sul versante soggettivo.

• Le singole categorie contrattuali: in particolare, il problema relativo al partenariato pubblico-privato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.