Questo articolo è stato letto 98 volte

Finanza locale, Comuni in predissesto: un caso concreto

Enti locali: riunita al Viminale la Commissione per la stabilità finanziaria

Napoli è a rischio di default, e attualmente nessun partito sembra riuscire ad esprimere un candidato deciso a risanare la situazione. L’attuale primo cittadino Luigi De Magistris, già in corsa come presidente della Regione Calabria, ha addossato la colpa delle criticità attuali a una pronuncia della Corte Costituzionale, la n. 80/2021, che ha rifiutato la copertura entro 30 anni del deficit causato dai prestiti statali del 2013, necessari all’epoca per pagare i molti debiti dell’Amministrazione. Tuttavia, considerando l’entità del disavanzo (1,5 miliardi per la Corte dei conti, 5 secondo Gaetano Manfredi, l’ultima personalità a rifiutare la candidatura) appare molto difficile scaricare il fallimento della finanza locale sulle spalle della Consulta.

Come spiega Gianni Trovati in un recente articolo de Il Sole 24 Ore, la situazione di difficoltà nel capoluogo campano si protrae ormai da quasi 30 anni, ben prima che si verificasse l’intervento della Corte. Nel 2012 fu concordata una situazione di pre-dissesto, decisa dall’esecutivo guidato da Mario Monti per allontanare la prospettiva, all’epoca terribilmente reale, di un fallimento a catena di tutti gli enti nel Mezzogiorno. Le condizioni così stabilite contemplavano un prestito di 220 milioni da restituire in 10 anni; la situazione complessiva sarebbe stata risanata mediante la vendita del patrimonio, il taglio delle spese e aumentando complessivamente le entrate. Tuttavia, il piano si è rivelato una semi fallimento: dalla cessione degli immobili sono stati ricavati pochi milioni, mentre gli introiti che avrebbero dovuto assicurare la tassazione si sono rivelati parimenti insufficienti. Di fronte a questa situazione tragica, la Corte dei conti non ha potuto fare altro che imporre al Comune di dichiarare ufficialmente il default: conclusione evitata da una disposizione del Decreto Semplificazioni che ha legato le mani alla magistratura contabile fino a fine giugno. Molti fuggono dalla nave che affonda, mentre nessuno sembra intenzionato ad assumerne il comando.

Manuale del ragioniere comunale

Manuale del ragioniere comunale

Mauro Bellesia, 2021, Maggioli Editore
Il presente manuale, di 1272 pagine, tratta in modo completo ed esaustivo la disciplina dell’ordinamento finanziario e contabile degli enti locali dal punto di vista di chi lo applica quotidianamente, il Responsabile del servizio finanziario. Norme, regole e adempimenti sono illustrati,...

119,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *