Questo articolo è stato letto 67 volte

Enti locali sciolti per mafia: la relazione del Ministero dell’Interno sulle attività delle Commissioni

Il ministro dell’Interno ha presentato al Parlamento una relazione sulle attività svolte dalle Commissioni straordinarie attive presso i Comuni sciolti per condizionamento di tipo mafioso; nel 2020 sono stati ben 52 gli enti commissariati, per una popolazione complessiva di 704.728 abitanti. Non solo Enti locali: figurano nell’elenco anche due Aziende sanitarie provinciali. In generale, la quasi totalità delle Amministrazione sciolte si trova in Calabria (21), Sicilia (14), Puglia (8) e Campania (1). Altrove, hanno subito la misura in questione solo un Comune della Basilicata e uno in Valle D’Aosta.

Si riscontra un preoccupante aumento del fenomeno in Nord Italia: sono infatti complessivamente nove i Comuni che hanno subito gravi condizionamenti da parte della criminalità organizzata, sempre più decisa a sfruttare le condizioni economiche più vantaggiose espandendosi in special modo nel settore degli appalti pubblici, “ove maggiormente si rivolgono gli interessi dei sodalizi criminali”. Le Commissioni hanno anzitutto provato a ripristinare una situazione di legalità, riorganizzando l’apparato burocratico e migliorando i servizi offerti alla cittadinanza e la trasparenza amministrativa. La prevenzione degli illeciti chiaramente si è mossa con più decisione nell’ambito di appalti, urbanistica e edilizia pubblica; a tal fine, i beni confiscati o sequestrati alle organizzazioni malavitose sono stati riconvertiti a favore dell’intera cittadinanza. Per quanto concerne il risanamento della finanza locale, le Commissioni hanno dovuto rapportarsi con una situazione disastrata: un terzo degli Enti commissariati nel corso del 2020 versa nel più profondo e completo deficit finanziario. Detti squilibri sono dovuti principalmente ad anomalie e irregolarità in materia di imposizione e riscossione tributaria, fattori che attestano, altresì, l’assenza di una efficace attività di indirizzo e controllo da parte dell’organo politico, orchestrata ad arte al fine di aumentare il consenso della popolazione e favorire i malavitosi locali; difatti, com’è prevedibile, una conduzione poco attenta dell’Ente locale da parte degli amministratori alla quale segue la dichiarazione di dissesto, comporta una serie di effetti negativi per la cittadinanza.

> LA RELAZIONE DEL MINISTERO DELL’INTERNO

Testo Unico degli Enti locali commentato

Testo Unico degli Enti locali commentato

Riccardo Carpino, 2020, Maggioli Editore
Il volume, aggiornato alla Legge 27 dicembre 2019, n. 160 (Legge di bilancio 2020), al D.L. 162/2019 conv. in Legge 28 febbraio 2020, n. 8 (Milleproroghe) e al D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (Misure emergenza COVID-19), offre una lettura coordinata del Testo Unico degli Enti locali e costituisce una...

98,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *